Elodie da "Nero Bali" alla "Rambla": «Canto ciò che sento, sempre con passione»

Giovedì 15 Novembre 2018
Elodie

Da Nero Bali alla Rambla di Barcellona, da Amici di Maria De Filippi al Festival di Sanremo, da Roma a Milano (passando per Lecce, per amore). Elodie non è una che si ferma: le piace sperimentare, sia nel lavoro che nella vita. I capelli rosa hanno ceduto il passo a un biondo platino, più glamour e un pizzico più adulto e al tormentone dell'estate, cantato insieme a Michele Bravi e Gue Pequeno, è subentrato da un paio di settimane quello invernale: Rambla, featuring Ghemon.
 

 

Un cambiamento radicale rispetto al sound di "Tutta colpa mia", la canzone della sua prima volta a Sanremo. «Non voglio incasellarmi in un genere, il pop ha molte sfumature e a me piace giocare e sperimentare - dice - Canto ciò che sento in quel momento». I talent, dice (e dimostra) Elodie, vanno bene per emergere, poi però la possibilità finisce ed «è dopo che si costruisce tutto». Pezzo dopo pezzo, come sul palco dell'Ariston, dove tornerebbe subito, assicura: «Mi piacerebbe tantissimo tornarci, mi ha dato tanto e ora che ho altro ancora da offrire lo rifarei subito».

Di lei si è parlato anche per la fine del sodalizio con Emma Marrone: «È stato difficile - spiega - è sempre così se ti separi da qualcuno che stimi: sono stata male ma ognuno ha una sua via, e io sentivo la necessità di proseguire da sola e confrontarmi con me stessa». Il percorso prevede un album, «praticamente finito» e in uscita l'anno prossimo e poi, probabilmente, un tour. Perchè il futuro è tutto da costruire, e lei lo sta facendo, assicura, «con tanta passione». 

 

Ultimo aggiornamento: 19:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti