Dall'Eur a Villa Medici: il sound è internazionale

Giovedì 7 Giugno 2018 di Marco Pasqua
Sono almeno due gli incontri fondamentali nella vita di Pedro Winter, ovvero Busy P: il primo, con David Guetta, quando, tra una serata e l'altra nei club, la stella della consolle l'ha incontrato e gli ha dato la possibilità di suonare per lui, nel 1995; il secondo, l'anno seguente, con i Daft Punk, che gli hanno chiesto di seguirli come manager (fino al 2008). Classe 1975, parigino, appassionato della tavola da skate, guida, dal 2003, l'etichetta Ed Banger, che gli ha permesso di far girare la sua musica e i suoi artisti per tutto il mondo.

Dopo aver iniziato suonando e organizzando eventi al Folies Pigalle, è diventato di casa al Sonar ma anche a Coachella: «La gente pensa che io sia contemporaneamente in più luoghi: e, in effetti, è vero, perché c'è sempre qualcuno della nostra etichetta in giro per il mondo. Non voglio limitarmi alla scena francese o europea». E questo weekend, venerdì, suonerà nella tre giorni di Villa Aperta VIII, che vedrà salire in consolle personaggi come Tiger and Woods e Jacques & Myd.

Di origini turco-cipriote, Erol Alkan, ha dapprima lavorato come remixer, per poi fondare - come tanti suoi colleghi navigati - la sua etichetta discografica e sbarcare alla Bbc, con uno show settimanale notturno: «Amo la radio, perché mi piace presentare la musica che suonerei dal vivo. Anche se, poi, quello che succede nelle discoteche è magico, soprattutto perché porta la gente a stare insieme», dice il dj, ospite della Bibliotechina sabato. «Voglio produrre dei grandi lavori, oppure esserne parte», racconta.
  Ultimo aggiornamento: 20:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA