Bugo, testo e significato di E invece sì: la canzone di Sanremo 2021

Bugo, testo e significato di E invece sì: la canzone in gara a Sanremo 2021
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Marzo 2021, 10:54 - Ultimo aggiornamento: 6 Marzo, 23:56

Bugo è sicuramente uno dei cantanti più attesi sul palco di Sanremo 2021. Dopo lo scorso, controverso festival, che lo vide al centro della polemica con Morgan - che portava insieme a lui il brano Sincero - Christian Bugatti, aka Bugo, torna questa sera sul palco dell'Ariston da solista. E invece sì è il titolo del suo brano: una canzone che suona la sua voglia di tornare più ottimista che mai, in questa 71a edizione del Festival di Sanremo. Il brano verrà incluso nell'album Bugatti Christian, disponibile a partire dal 5 marzo. Di seguito il testo della canzone.

Sanremo 2021, la classifica della prima serata: Annalisa in testa, seguono Noemi e Fasma

Significato della canzone

E invece sì ha tutta l'aria di raccontare una realtà alternativa nel quale l'autore si ritrova proiettato, ma torna nel testo l'elemento autobiografico che spesso caratterizza il suo modo di scrivere. Se lo scorso anno, in Sincero, diceva di voler diventare cantante «delle canzoni inglesi», quest'anno Bugo ci dice anche chi sono i suoi artisti di riferimento, sia a livello internazionale che nazionale: nel testo si fa riferimento a Ringo Starr - l'ex batterista storico dei Beatles - e ad Adriano Celentano. E sono proprio loro i protagonisti di questa realtà alternativa: una realtà dove Bugo può immaginare di essere sé stesso senza il peso dei rimpianti, libero di guardare avanti a sé.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Bugo (@b_u_g_o)

Testo di E invece sì - Bugo

Le metropolitane vanno molto veloci
I giornali gratis
La radio
Le voci
Bella la campagna ma mi rende un po’ triste
Vorrei comprare un disco ma non ho il giradischi
Vorrei fare l’arbitro ma non mi piacciono i fischi
Il superfluo è a volte più importante
Scriverò il nostro nome sui portoni
Anche se mi dici
Cristian cresci, stai su dritto
Grazie ma io
Voglio immaginarmi che non ho sbagliato
E che il paradiso è il mio supermercato
Con la birra in saldo e il poster di Celentano
È meglio così
Voglio immaginarmi che anche un dittatore
S’innamora, vomita e poi si commuove
Che davvero non ci avranno mai capiti

E invece sì
Na na na na na
Vorrei pensare che Ronaldo non sia perfetto
Vorrei essere onesto ma non timbro il biglietto
Chiamare mio papà per dirgli che sto bene
Scriverò le risposte sulla mano
Anche se mi dici
Cristian sveglia, perdi il treno
Grazie ma io
Voglio immaginarmi che non ho sbagliato
E che il paradiso è il mio supermercato
Con la birra in saldo e il poster di Celentano
È meglio così
Voglio immaginarmi che anche un dittatore
S’innamora, vomita e poi si commuove
che davvero non ci avranno mai capiti

E invece sì
E tu gridami addosso
Che va bene lo stesso
E tu gridami addosso
Cristian cresci, stai su dritto
Grazie ma io
Voglio immaginarmi che non ho sbagliato
E che Ringo Starr è il mio miglior amico
Che io e lei lo abbiamo fatto e le è piaciuto
Si dice così
Voglio immaginarmi che anche un dittatore
S’innamora, vomita e poi si commuove
Che davvero non ci avranno mai capiti
E invece sì
E invece sì

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA