Adam Beyer torna all'Eur, una notte lungo l'asse Stoccolma-Roma

Giovedì 12 Settembre 2019 di Marco Pasqua
Adam Beyer ospite di Spazio Novecento

La musica non è stata solo una passione per Adam Beyer, bensì un’ancora di salvezza. A 13 anni, subito dopo la scomparsa del papà, iniziò a covare una rabbia che lo portò a frequentare persone e posti sbagliati. Poco prima, dai 9 anni, aveva iniziato a suonare le percussioni, proprio grazie all’influenza del padre, che ne era appassionato. La strada, con i furti e le risse, lo avrebbero trascinato, probabilmente, verso una fine diversa, se la mamma non gli avesse comprato il primo giradischi. «Mi ha salvato e ha evitato che potessi fare delle cose sbagliate – ha detto in un’intervista – Alcuni di quelli che erano miei amici, in quegli anni, oggi sono già morti». La musica lo assorbe da subito ed è allora che un giorno disse alla mamma: «Farò il dj».

Grazie al primo set di piatti, quando ancora frequenta le superiori, inizia a suonare nei club della sua Stoccolma. A 16 anni firma giaà le prime produzioni. Subito dopo aver finito la scuola, nel 1995, inizia a lavorare in un negozio di dischi, facendo già uscire varie tracce con degli pseudonimi. Le serate finiscono col moltiplicarsi, in tutta la Scandinavia. Nel 1996, a 20 anni, lancia la sua etichetta, la Drumcode, con la quale metterà in risalto i principali artisti svedesi. La sua crescita sarà tale, in pochi anni, che sarà presto considerato uno dei catalizzatori della techno svedese. «Penso che farò questo lavoro per altri dieci anni – prevede – almeno a questi livelli. Ma mai dire mai: ci sono tanti miei colleghi che hanno annunciato di voler smettere prima e, invece, oggi sono ancora sui palchi. Ma forse, tra 10 anni, potrò iniziare qualcosa di nuovo». Oggi vive a Ibiza, con la famiglia – moglie, 3 figli e tanti animali – su un’isola che ha contribuito al suo benessere psicofisico: «Sento di essere diventato più spirituale. Questo posto ha aperto le porte della felicità e dell’autocoscienza». 

Sabato 14 settembre, dalle 23: Spazio Novecento, piazza G. Marconi 26/B 
 

 

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 15:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma