Con i maestri Noseda, Lyniv e Pérez, un mese di musica dal vivo al Teatro dell'Opera

Il maestro Alejo Pérez
3 Minuti di Lettura

Maggio con musica dal vivo al Teatro dell’Opera di Roma. Dopo il tutto esaurito dello scorso 28 aprile, tre nuovi concerti sinfonici. Sul podio del Costanzi si susseguiranno maestri di fama internazionale, due dei quali al loro debutto romano: Gianandrea Noseda, che sabato 15 dirigerà Coro e Orchestra dell’Opera di Roma in un programma interamente dedicato a Johannes Brahms, e Oksana Lyniv, che sabato 22 dirigerà l’Orchestra in brani di Richard Wagner e Pëtr Il’ič Čajkovskij. Il terzo ed ultimo concerto vede invece il ritorno di Alejo Pérez che sabato 29 maggio dirigerà brani di Wagner e Dmitrij Šostakovič. Tutti i concerti inizieranno alle ore 20.00, quelli del 15 e 29 maggio verranno trasmessi anche in diretta sulle frequenze di Rai Radio3, mentre il concerto del 22 maggio verrà registrato e trasmesso in una data da destinarsi.

Johannes Brahms

Ad aprire la serie di concerti sinfonici di maggio sarà Gianandrea Noseda. Il maestro milanese, che nel corso della sua carriera ha diretto in ambito internazionale e più raramente in Italia, sabato 15 maggio alle 20 debutterà sul podio dell’Opera di Roma. Il programma del concerto dedicato a Johannes Brahms vede Coro e Orchestra impegnati in Nänie e Schicksalslied e poi la sola Orchestra nella Sinfonia n.2 in re maggiore. Maestro del Coro dell’Opera di Roma Roberto Gabbiani.

Richard Wagner

Il secondo appuntamento, sabato 22 maggio alle 20, segna un altro importante debutto per il lirico romano, quello di Oksana Lyniv. La direttrice ucraina, nominata agli International Opera Awards nella categoria “Conductor 2020”, al Costanzi dirigerà il suo secondo concerto in assoluto in Italia. Sotto la sua bacchetta l’Orchestra eseguirà Idillio di Sigfrido di Richard Wagner e la Sinfonia n. 1 in sol minore di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Dmitrij Šostakovič

Infine l’ultimo concerto, sabato 29 maggio alle ore 20.00, vede il ritorno dell’argentino Alejo Pérez che negli anni scorsi si è affermato ne Il naso di Šostakovič, la Lulu di Berg e, più recentemente, ne L’angelo di fuoco di Prokof’ev. Dunque uno specialista del Novecento storico che guiderà l’Orchestra dell’Opera di Roma nell’Ouverture del Rienzi di Richard Wagner e nella Sinfonia n. 5 in re minore di Dmitrij Šostakovič.

Mercoledì 5 Maggio 2021, 17:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA