L'Italia rivuole indietro il ritratto del principe Camillo Borghese acquistato dalla Frick Collection di New York

Venerdì 24 Agosto 2018
Quando lo scorso dicembre la Frick Collection annunciò l'acquisto di un ritratto del Principe Camillo Borghese dell'artista francese Francois Gerard il museo di New York cantò vittoria: «Il più importante dipinto acquistato da noi negli ultimi 30 anni». Ora però, a quanto riporta the Art Newspaper, l'Italia ha aperto le pratiche per riavere indietro il quadro. Il governo italiano ha revocato la licenza di importazione chiedendo la restituzione di un'opera «parte importante del suo patrimonio culturale». Datato a circa il 1810 e dipinto a Parigi, il quadro è già arrivato negli Usa. L'Italia sostiene che la licenza di esportazione descriveva semplicemente il ritratto di un uomo, mentre è l'identità del soggetto che lo rende significativo per il paese. Camillo Borghese era il cognato di Napoleone.

Il ritratto, nella sua cornice originale, era rimasto nelle mani della famiglia Borghese a differenza della omonima villa oggi museo e dei capolavori in essa contenuti tra cui le celebri sculture di Gian Lorenzo Bernini vendute nel 1902 al governo italiano. Solo di recente gli addetti ai lavori italiani avrebbero realizzato l'importanza del dipinto per il patrimonio nazionale in quanto raro documento dell'era napoleonica in Italia. La Frick, che sta lavorando a un ricorso, non ha voluto far commenti. La cifra pagata dal museo americano non è stata resa nota: «Era molto caro», si è limitato di dire all'epoca Xavier F. Salomon, chief curator del museo newyorchese che si era mosso rapidamente per non lasciar tempo alla galleria di mostrarlo ad altri. È dal 1991 che la Frick non acquistava un dipinto importante. Il principe Camillo doveva originariamente fare il suo debutto il 31 ottobre quando nelle gallerie sulla Quinta Strada aprirà la mostra «Luigi Valadier: Splendore nella Roma del Diciottesimo Secolo».
Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 17:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lo squillo di Vasco

di Marco Molendini