Premio Viareggio-Repaci:
vincono Edith Bruck, Cavalli e Prosperi

Mercoledì 26 Agosto 2009
Edith Bruck
VIAREGGIO (26 agosto) - La giuria dell'ottantesima edizione del Premio Viareggio-Repaci riunitasi oggi sotto la presidenza di Rosanna Bettarini, ha discusso le tre terne dei volumi relativi alla narrativa, alla poesia, alla saggistica. Il premio per la narrativa, informa una nota, è stato vinto da Edith Bruck con Quanta stella c'è nel cielo (Garzanti); il premio per la poesia è stato vinto da Ennio Cavalli con Libro Grosso (Aragno); quello per la saggistica è stato vinto da Adriano Prosperi con Giustizia bendata (Einaudi).



Dopo la riunione, la giuria ha partecipato al convegno Omaggio a Leonida Repaci, che si svolge a Villa Paolina Bonaparte, con interventi dei giornalisti Enzo Romeo e Ottavio Rossani e della presidente del Premio Rosanna Bettarini. Per l'occasione l'attore Salvatore Puntillo ha letto alcuni brani particolarmente significativi dello scrittore, sottolineati dalla esecuzione di musica dal vivo e da brani musicali eseguiti dal cantante folk Otello Profazio. Sono seguite la proiezione dello storico documentario Rai del 1973, girato nella Villa della Pietrosa di Palmi, buen retiro amatissima dallo scrittore e dalla moglie Albertina, dove Repaci racconta e si racconta e dei cinegiornali dell'Istituto Luce dedicati al Premio Viareggio dal 1932 al 1970.



Sempre a Villa Paolina Bonaparte, è aperta fino al 30 agosto nelle sale monumentali, la mostra 'Geografia dell'Anima. La Calabria di Leonida Repacì, organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Viareggio e dall'Associazione Amici Casa della Cultura Leonida Repaci di Palmi (città natale di Rèpaci, gemellata da anni con la città di Viareggio) e promossa dalla Provincia di Reggio Calabria. Ultimo aggiornamento: 23:55

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili