“Denecia. Autobiografia di una barca” del violoncellista Roberto Soldatini domenica 21 ottobre al Castello di Santa Severa

Giovedì 18 Ottobre 2018
Denecia, la casa-barca di Roberto Soldatini, violoncellista, direttore d'orchestra, navigatore solitario nonché scrittore, domenica 21 ottobre approda al Castello di Santa Severa. Alle 16 nella Sala del Nostromo avrà luogo la singolare presentazione del libro Denecia. Autobiografia di una barca” (Mursia editore), con una performance a cura dell’autore Roberto Soldatini. I testi non verranno solo letti ma avranno l'accompagnamento musicale di un violoncello Stradivari del 1714. Lo spettatore vivrà una rotta immaginaria attraverso scene della letteratura di mare, da quella classica a quella moderna, da Jules Verne a Jacques Brel, da Björn Larsson a Roberto Soldatini stesso.

L'evento è organizzato da Regione Lazio, LazioCrea, Mibac, Comune di Santa Marinella e Coopculture. La Denecia sarà attraccata al porticciolo di Santa Marinella e nel libro si racconta della sua nascita, dei suoi compagni di viaggio, dei loro amori e delle loro disavventure. Ma anche dei luoghi che ha conosciuto, ovviamente visti sempre e soltanto da dove li può vedere una barca: dal mare. Più di ottantamila chilometri d’acqua, dall’Inghilterra alla Grecia, passando per la Francia, la Corsica e la Sardegna. La barca racconta il mondo dalla sua prospettiva, come se fosse un extraterrestre. Roberto Soldatini, direttore d’orchestra, compositore e violoncellista, ha deciso anni fa di fare della barca la propria casa e di salpare alla volta dell’Oriente in compagnia di
Stradi, il suo violoncello. Senza smettere comunque di fare concerti e insegnare in Conservatorio: l'indirizzo sulla sua carta d’identità è la banchina del porto di Napoli dove Denecia è ormeggiata.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nazionale: tra importanti verifiche e ricerca di novità

di Massimo Caputi