Da Jennifer Egan a Camilleri, "Libri come" all'Auditorium. Focus sulla Felicità

Da Jennifer Egan a Camilleri, "Libri come" all'Auditorium. Focus sulla Felicità
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Febbraio 2018, 18:05 - Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 11:50

Partirà giovedì 15 marzo, e durerà fino a domenica 18 marzo, la IX edizione di Libri Come, la manifestazione curata da Marino Sinibaldi, Michele De Mieri e Rosa Polacco e prodotta da Fondazione Musica per Roma, che porta a Roma libri, autori, editori, lettori, in una grande Festa del Libro e della Lettura che per quattro giorni invade gli spazi e le sale dell’Auditorium Parco della Musica. Il tema di quest’anno sarà Felicità, parola bella e ingombrante, ricca di significati e di contraddizioni, di possibilità e promesse, individuali e collettive. Come ogni anno gli appassionati dei libri potranno “sfogliare” il tema che sarà al centro di lezioni, presentazioni, dialoghi, reading, e come sempre trovare le novità, i libri più attesi, e quelli che già fanno parlare lettori e addetti ai lavori. Non mancheranno gli incontri per le scuole, le mostre, gli spettacoli. Come lo scorso anno Libri Come inizia con un’originale inaugurazione in collaborazione con le Biblioteche di Roma: in 10 biblioteche sparse per i quartieri della città verranno presentati 10 libri da 10 scrittori, tutti in contemporanea alle ore 18. Inoltre grande novità di quest’anno, prima dell’inizio ufficiale della festa, due anteprime a Milano, a Tempo di Libri, e a Roma nel nuovo spazio WEGILL di Trastevere con il romanziere irlandese Roddy Doyle. Nella serata finale il tema della Festa, Felicità, incontra la musica, il costume e la politica del ’68, nel cinquantenario del fatidico anno. 

Continua il rapporto di Libri Come con i grandi autori stranieri, tra i nomi di spicco di questa edizione segnaliamo i protagonisti del nuovo romanzo americano: Nicole Krauss, Nathan Englander, Daniel Mendelsohn, Jennifer Egan, il romanziere irlandese Roddy Doyle, il giallista scozzese Ian Rankin, gli eccellenti rappresentanti della letteratura francese: Mathias Enard, Régis Jauffret e Jan Manook. Tanti saranno alla Festa con i loro nuovi romanzi in uscita, mentre altri ospiti, come lo psicanalista Massimo Recalcati e il filosofo Remo Bodei, terranno le loro lezioni sul tema della Felicità. Tra gli altri ospiti: Altan, Piero Angela, Simonetta Agnello Hornby, Gianni Amelio, Pupi Avati, Stefano Bartezzaghi, Diego Bianchi, Daria Bignardi, Mario Calabresi, Andrea Camilleri, Gianrico Carofiglio, Lella Costa, Marco Damilano, Ilvo Diamanti, Giosetta Fioroni, Alicia Gimenez Bartlett, Paolo Giordano, Emilio Isgrò, Khaled Khalifa, Joe R. Lansdale, Marco Malvaldi, Dacia Maraini, Paolo Mieli, Michela Murgia, Francesco Piccolo, Michelangelo Pistoletto, Sally Rooney, Clara Sanchez, Michele Serra, Fredric Sjoberg, David Szalay, Adriano Sofri, Giuseppe Tornatore, Emanuele Trevi, Zerocalcare e molti altri.

Continua per il quarto anno consecutivo il work in progress fotografico di Riccardo Musacchio e Flavio Ianniello con la collaborazione di Chiara Pasqualini, AUTORitratti, la mostra nel Foyer della Sala Sinopoli che accosta volti e parole degli ospiti presenti al festival. L’AuditoriumArte invece ospiterà l’ultimo progetto fotografico di Valentina Vannicola “Eravamo terraferma”, un reportage tra verità e finzione che racconta la storia degli abitanti di un’isola del Mar Adriatico, una terra bagnata dalle acque un tempo appartenute alla ex Jugoslavia ed oggi croate. Le vignette e i personaggi di Altan saranno in mostra nel Foyer della sala Petrassi dando vita a Altan. Un’antologia per la Felicità, una mostra che ricostruisce il come eravamo di un paese con le sue piccole e grandi (in)felicità pubbliche e private. Tutte le mostre sono a ingresso libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA