Verdone sul murale con Roger Waters

Verdone sul murale con Roger Waters
di Lucilla Quaglia
2 Minuti di Lettura
Domenica 1 Settembre 2019, 11:28 - Ultimo aggiornamento: 11:29

Maratona d’affetto e bagno di folla per Carlo Verdone, che ad Anzio riceve la cittadinanza onoraria con un programma nutrito e seguitissimo. Erano giorni che il comune balneare stava preparando l’evento. Si inizia con la cerimonia della consegna dell’onorificenza, a cura del sindaco Candido De Angelis e alla presenza di Alessandro Coppola, primo cittadino di Nettuno, dell’amico allenatore Bruno Conti, nettunese, e di diverse autorità che fanno a gara per essere immortalate con la star.
 

 

«Ad Anzio ho trascorso infanzia e giovinezza, ho girato dei film e ho tanti bei ricordi», dice il regista e attore. Poi in piazza I Maggio partecipa ad un evento artistico in cui viene scoperto il murales di Stefano Garau su un’intera facciata: accanto alla sua effige, campeggia quella di Roger Waters, altro anziate illustre ad honorem, insignito l’anno scorso. Uno stuolo di curiosi, residenti e turisti, arrivati per l’occasione, segue il cineasta nella sua nuova città. E a sera va in scena l’incontro di Verdone con il pubblico, nel teatro di Villa Adele. Si ride con le sue gag, poi confronto con il critico Mario Sesti e gli spettatori. Il ricavato, per volontà del sindaco e dello stesso cineasta, è devoluto a sostegno dei lavori della “Cittadella di Padre Pio – Casa Socio Sanitaria Pediatrica Oncologica Madonna di Fatima”, in Calabria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA