Torre Flavia ciak, De Sica, Ghini e Abatantuono insieme per un mare di risate

Sabato 24 Agosto 2019 di Emanuele Rossi

Torre Flavia, ciak: si gira. Ladispoli diventa l’Honduras e così in una tranquilla mattina di agosto inoltrato sbarca uno sfavillante Christian De Sica tra i bagnanti in riva al mare. Parrucca nera, bermuda e giubbotto di salvataggio indossato sopra alla t-shirt. L’attore romano, sorridente e davvero in gran forma, rotola tra la sabbia e dà spettacolo sotto gli occhi di centinaia di persone che si alzano da sotto l’ombrellone.

La spiaggia della Palude, in passato selezionata anche da Jovanotti per il suo tour, tappa cancellata in seguito alle proteste degli ambientalisti pro uccelli, è il set ideale per “La mia banda suona il pop”, regia di Fausto Brizzi, presente durante le riprese. Camion parcheggiati sul lungomare, drone in azione, tendoni, barca sulla battigia, in realtà un po’ arrugginita, e infine azione e risate. Il film parla della burrascosa réunion dei Popcorn, immaginario gruppo musicale anni ‘80, orchestrata da un magnate di San Pietroburgo.

I componenti della band non si vedono da trent’anni e si odiano, ma per soldi accettano di suonare in Russia. Colpo di scena quando scoprono di dover mettere a segno anche una rapina ai danni di un oligarca russo appassionato di musica italiana. De Sica dopo aver girato le sue scene – dirette da Brizzi - concede foto e selfie ai vacanzieri molti dei quali giunti proprio dalla Capitale per gli ultimi giorni di vacanza estiva. La macchina organizzativa libera l’arenile, presidiato da Capitaneria di porto e Guardie ambientali, spostandosi al centro. Occupa un negozio di ferramenta e il marciapiede di via Firenze.

All’improvviso ecco arrivare in rapida sequenza Massimo Ghini, naso incerottato e capelli bianchi spettinati, e Diego Abatantuono, in giacca con una camicia colorata a fantasia e un piccolo ventilatore nella mano. Il set non sfugge a centinaia e centinaia di automobilisti che rallentano la marcia attirati da tutto quel viavai ma che vengono subito allontanati dagli agenti della Polizia locale di Ladispoli. I curiosi prendono possesso della strada. Inevitabile. Scoprono che nel cast del film figurano anche Angela Finocchiaro, Sergio Rubini, Paolo Rossi e Natasha Stefanenko, ma di loro quattro nessuna traccia. Molti degli attori conoscono bene la città. Fausto Brizzi ha vissuto 20 anni a Ladispoli. Abatantuono nei panni del re dei barbari approdò proprio a Torre Flavia per girare “Attila flagello di Dio”, il film prodotto da Mario Cecchi Gori. E sempre a Torre Flavia a settembre del 2015 ci era finito anche Gabriel Garko in “L’onore e il rispetto 4”.

Ultimo aggiornamento: 12:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma