Swap in the city
se il baratto
diventa di moda

Giovedì 27 Giugno 2019
La “moda” del baratto è tornata in città. In tutti i sensi. Perché se non vi siete mai messi nei panni degli altri, esiste sempre una prima volta per farlo. Come? Con gli “swap party”, feste private o organizzate nei bistrot che, tra brindisi, prelibatezze e torte, consentono di scambiare con amici e colleghi, dopo l’orario di lavoro, abiti usati e vintage. L’evergreen torna in voga con un trend sempre più diffuso. Se nell’armadio albergano scheletri chiamati pantaloni, cappotti e camicie che, a causa della taglia lievitata e dello scarso allenamento in palestra, non riescono più a vestire il corpo come facevano un tempo, la soluzione cool è quella di giocare a barattare il démodé con nuovi pezzi trendy. Da indossare durante le serate in compagnia e anche in riva al mare d’estate, sorseggiando un Mojito e sfoggiando il bikini dell’amica che, purtroppo per lei, è ingrassata.
 
 


La tendenza tutta americana degli swap party, approdati a Roma e molto apprezzati dai millennials, nasceva in origine come singolare escamotage per le mamme che desideravano rinverdire il guardaroba dei propri pargoli, riciclando e senza spendere un centesimo. Così, al Fleming, boom di happening all’insegna del riuso per accontentare con nuovi look i piccoli modaioli. E se a Testaccio, in particolare alla Città dell’Altra Economia, il fenomeno dello scambio fashion con eventi tematici ad hoc strizza l’occhio alla sostenibilità, oggi anche i maschietti parsimoniosi sembrano gradire. Tant’è che le sneakers d’antan vengono sostituite con un paio di boots e ricevute, tra chiacchiere e sorrisi, alla serata swap che prende il via da popolati gruppi WhatsApp. Storie di abiti, riduzione degli sprechi e divertimento assicurato anche in via Carlo Denina, non distante dall’Appia Nuova, dove, respirando atmosfere dal sapore rétro, la festa dedicata agli scambisti dello stile è servita tra delizie a colazione o all’ora del brunch.
Spesso, poi, per i fanatici dello shopping “money-free”, a Prati, alcuni locali organizzano selezioni in cui non tutto ciò che si porta per essere scambiato può essere accettato. Fra jeans e magliette, il numero dei capi da mettere sul banco di prova del baratto non può superare le 10 unità davanti alla giuria di esperti del recycle che ne selezionerà solo 5: i migliori saranno destinati ai nuovi proprietari. L’urban swapping si evolve e coinvolge anche la cosmesi. Per chi ha trucchi e rossetti che non usa più, o se quel profumo sul comodino è il ricordo di un amore stagionato che puzza di vecchio, il “do ut des” amichevole, senza sborsare un euro, consente di barattare anche prodotti make up e fragranze. C’è sempre una seconda occasione di vita per abiti e cosmetici. Diversamente dagli ex.
Gustavo Marco Cipolla © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimo aggiornamento: 12:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma