ROMA

Con Casanova 2.0 una notte da ridere

Sabato 7 Marzo 2020
Metro alla mano, per prendere le distanze di sicurezza, e il sorriso un po' amaro degli ospiti. Pochi quelli che, per via delle disposizioni governative, sono riusciti a prendere posto al teatro di via Forlì in occasione del debutto dello spettacolo Lo Sciupafemmine, scritto da Nino Marino per Geppi Di Stasio, che ne firma anche la regia. Uno spazio storico, nel quale hanno gravitato in passato grandi nomi del teatro italiano come Carmelo Bene, Luigi De Filippo, Aldo Giuffrè, che resiste e cerca di combattere la preoccupazione per il Coronavirus diffondendo il messaggio: Rendiamo anche la cultura virale.

Gli invitati condividono e commentano la gravità degli eventi, ma poi si accomodano con la speranza di dimenticare i pensieri negativi e godere della bravura degli attori protagonisti, Geppi Di Stasio e Roberta Sanzò, accompagnati sul palco da Patrizia Tapparelli e Giorgia Lepore. In platea, tra gli altri, Alex Partexano con la moglie Giuliana, Conny Caracciolo, Adriana Russo. Presenti anche Marco Ciriaci, Antonietta Divizia, Sandro Scapicchio, Enzo Garramone, Claudio Mazzenga, Antonello De Pierro. Applausi e risate per la storia di un affascinante Casanova che tenta di tenere nascoste le sue amanti alla moglie. Ritmo incalzante, equivoci amorosi e un finale a sorpresa: il marito playboy dovrà fare i conti con l'imprevedibilità femminile. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua