Serata da Oscar a Palazzo Barberini, red carpet all star tra Monica Bellucci e Kasia Smutniak

Mercoledì 9 Ottobre 2019 di Paolo Travisi

Una serata da Oscar a Palazzo Barberini, nel cuore di Roma. Direttamente da Hollywood, i vertici dell’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, Dawn Hudson, l’amministratore delegato ed il Presidente David Rubin, hanno calcato il golden carpet, il tappeto dorato, come il colore della celebre statuetta, insieme a Roberto Cicutto, Presidente e AD di Istituto Luce Cinecittà ed a tanti attori e registi del nostro cinema.

Per la prima volta in Italia, l’Academy ha organizzato un evento, nella cornice seicentesca di Palazzo Barberini, per celebrare il cinema italiano ed i nuovi membri, scelti quest’anno dalla prestigiosa istituzione americana, che faranno parte dell’ambitissima platea dei votanti i film in corsa per gli Oscar.

Carlo Verdone, Toni Servillo, Giancarlo Giannini e Matteo Garrone sono stati selezionati, per il loro valore artistico di attori e registi, insieme ad altre professionalità del cinema italiano - dai montatori ai produttori, dagli scenografi agli esperti di effetti digitali. Non è mancato all’appuntamento dell’Academy, Carlo Verdone, che si è detto “lusingato, ha contato il mio curriculum e l’ Oscar a Sorrentino ha fatto la differenza”.

Entusiasta e molto elegante Giancarlo Giannini, preceduto dal produttore Toni Renis, in doppiopetto grigio e sneakers. Di una bellezza straordinaria, la statuaria Monica Bellucci, capelli corti pantaloni e giacca neri, “quel che conta di un film è la bellezza e che resti nel tempo” dice sorridente. Una raffica di flash per Kasia Smutniak, accompagnata dal produttore Domenico Procacci.

Luca Zingaretti è casual in blu, stesso colore scelto da Marcello Fonte, protagonista di Dogman. E’ molto emozionata Lina Wertmüller, che il 27 ottobre riceverà l’ Oscar alla carriera. Tra i premi Oscar italiani a sfilare sul carpet d’oro, non mancano il direttore della fotografia Vittorio Storaro, insieme alla figlia, la scenografa Francesca Lo Schiavo, Matilda De Angelis, Giuseppe Tornatore, già membro dell’Academy che confida sorridendo “la procedura di voto è segretissima”. Laura Morante sfila sul carpet con la consueta raffinata eleganza, seguita da Ferzan Ozpetek, mentre Valeria Golino, con vestito colorato a fiori, arriva a braccetto con Valeria Bruni Tedeschi, che indossa scarpa con tacco in tinta con il golden carpet. Alla fine della sfilata, tutti a Palazzo, per una cena a porte chiuse.

Ultimo aggiornamento: 11:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma