Fiori, giardini e paesaggi, il fine settimana all'Auditorium è tutto "al verde"

Venerdì 10 Maggio 2019 di Elena Alleva

Il Festival del Verde e del Paesaggio che si inaugura oggi nel giardino pensile dell’ Auditorium Parco della Musica non è una semplice fiera di piante, una delle tante mostre-mercato della capitale. È un evento culturale italiano, più che romano. Nel senso che non va visitato solo per comprare nuove piante per la terrazza e il giardino, oppure per scoprire le nuove tendenze della bella stagione. Va frequentato tutti giorni in cui è aperto, fino a domenica, per non perdere quel che più interessa fra la miriade di incontri, corsi, concorsi, conferenze e presentazioni di libri e allestimenti di giardini d’autore che si susseguono per tutte e tre le giornate.

L’ Auditorium è molto accogliente: si trova in una zona centrale ed è dotato di un ampio parcheggio. Quindi non sarà un problema programmare una visita giornaliera in base agli orari degli eventi (scelti sul sito festivaldelverdeedelpaesaggio.it.) Oltretutto per poter esplorare un’esposizione che occupa ben 25.000 metri quadrati, e che prevede un percorso fra gli stand di oltre un chilometro, una sola visita non basterebbe comunque. LIBRI E WORKSHOP In un pomeriggio si può partecipare alla presentazione di un libro sull’etica e la politica delle piante o sulle grandi giardiniere italiane; visitare gli allestimenti di giardini dedicati agli odori degli ambienti naturali o alla coabitazione al chiuso di uomini e piante, e magari anche frequentare un workshop della scuola di giardinaggio. Ma si rischia di trascurare tutto il filone del Festival legato alla Naturetherapy, ispirata all’idea che basti passeggiare in un parco per sentirsi più sereni, o immergersi in un bosco per ritrovare il buonumore.

Ad esempio la Forest bathing nell’installazione austriaca Airship.03, che permette di respirare aria profumata di muschio e pino cembro, corsi di pilates, yoga e percorsi benefici multisensoriali in Giardini effimeri, e allestimenti collettivi di una Prateria urbana. I CORSI Poi ci sono le tante attività pratiche, come i corsi per imparare a intrecciare una ghirlanda di rami e fiori, tanti stand dedicati all’arredamento dei giardini, e soprattutto le tante iniziative per bambini e ragazzi, organizzate dall’Università di Tor Vergata o da associazioni, che spaziano dal treeclimbig ai laboratori di semina o di lettura. Da non perdere fra le tante iniziative: le consulenze del #personalplantsman, per imparare a scegliere le piante più adatte alle proprie esigenze e a coltivarle con successo e gli appuntamenti del #FVPgreenlab, lo spazio dedicato agli eventi culturali. Fra le tante proposte degli stand: peperoncini da ogni parte del mondo, confezioni di humus di lombrico per concimare il terriccio dei vasi e originalissime perle di muschio giapponesi al cui interno sono coltivate piante grasse.

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 09:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma