Leonardo Di Caprio turista per caso: dal Colosseo a Villa d'Este, tour da premio Oscar

Martedì 6 Agosto 2019 di Laura Larcan
1

Quando le vacanze romane sono da star. Anche i divi hanno un cuore per l’arte, verrebbe da dire. E anche un pizzico di curiosità. Ne sanno qualcosa a Villa d’Este a Tivoli che domenica si sono visti arrivare a sorpresa in biglietteria Leonardo Di Caprio. Lasciati i riflettori della première del film di Quentin Tarantino C’era una volta a...Hollywood, l’attore premio Oscar ha scelto una gita fuoriporta alla scoperta del gioiello rinascimentale del Mibac. «Ci avevano telefonato in mattinata per avvisarci che intorno alle 13,30 sarebbe arrivata una persona importante per una visita guidata, ma non ci aspettavamo certo Leonardo Di Caprio», racconta il personale di accoglienza del museo statale.

C’era una volta… a Hollywood, il nono film di Quentin Tarantino
 

Puntualissimo, il divo è arrivato con la famiglia, le guardie del corpo, l’assistente e una guida turistica personale. E ha pagato il biglietto. Cappellino, occhiali scuri, la star ha fatto di tutto per mantenere la riservatezza. Ma non è stata una visita lampo: «È rimasto qui da noi quasi due ore, era molto interessato», raccontano dal museo. Dal chiostro ha attraversato le sale espositive, per poi scendere nei giardini. Sosta importante, presso la Fontana di Pegaso. «Gli è piaciuto molto l’equilibrio tra verde, acqua e capolavori, i giochi d’acqua e l’effetto di meraviglia che producono - dice il direttore Andrea Bruciati - Un aspetto speciale per la visita è che nelle peschiere ci sono tre gradi di meno, le fontane sono il luogo naturale per rigenerarsi e rinfrescarsi dal caldo. E Di Caprio ha molto gradito».

Villa d’Este non è stata la sola meta dell’agenda da turista per caso di Leonardo. Il divo non si è voluto perdere i grandi capolavori della Capitale. Sabato è stata una giornata intensa. Prima, sembra proprio che abbia fatto una tappa ai Musei Vaticani per godersi un affaccio speciale della Cappella Sistina. E nel tardo pomeriggio, dopo le 18,30, si è spostato al Colosseo. Ad organizzare la visita guidata dell’Anfiteatro Flavio è stata direttamente la maison Tod’s (ma anche qui ha pagato il biglietto, ed è stato accolto dal personale del parco).

Look anti-occhi indiscreti, col suo immancabile cappellino e occhiali da sole, era accompagnato da bodyguard e dal suo staff. Dopo l’affaccio mozzafiato sull’arena, Di Caprio è voluto scendere nei sotterranei per scoprire i segreti del Colosseo. Tu chiamale se vuoi, emozioni. Da Oscar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma