ROMA

Arte e moda, tutti i colori delle emozioni

Lunedì 8 Aprile 2019 di Paola Pisa

Protagonisti: memoria, cervello, ricordi, Roma e le sue bellezze. Volti femminili. Emozioni forti e personaggi che si inventano artisti. Vernissage ad alta densità di creatività. Al quarto piano del cinquecentesco Palazzo Scapucci, a due passi da piazza Navona. Tra sale e saloni, scale, corridoi, è in atto la performance di Malù Dalla Piccola, giovane artista che intitola la sua opera “Damnatio Memoriae”, come dire Condanna della memoria. A curare l’evento è Veronica Siciliani Fendi, anche lei poco più che ventenne, e gli arrivi di personalità della cultura e dell’arte non finiscono mai. Tantissimi ad interagire con le opere esposte, a improvvisarsi pittori ed entusiasti autori. E per mettersi all’opera e non imbrattarsi, ad invitati e ospiti. Vengono offerti camici. Poi pennelli e colori.

Et voilà il muro è ok. Mentre l’autrice, che vive e lavora a Parigi, attraverso le sue tecniche invita a esprimersi dal vivo su memoria cerebrale e memoria digitale, mentre le pareti si riempiono di scritte che si mixano a video, intanto che figure di donne si impongono sullo spazio, davanti a risonanze magnetiche eseguite sul cervello a cui si sovrappongono ancora altre immagini fino a cercare di scrutare il pensiero dell’artista, ecco carrellate di amici e fan in ammirazione. Felici anche di diventare autori per un giorno.

Tra loro c’è Alda Fendi con camiciole nero su cui è dipinta una donna, con lei arrivano le figlie Giovanna e Alessia Caruso Fendi. Tra i duecento e passa che affollano le stanze di quello che è un appartamento-galleria, compaiono l’attrice Genoveva Casanova, Filippo Valsecchi, Simona Agnes, il gallerista Massimiliano Mucciaccia con la moglie Giulia, Gloria Ciano e molti altri. Poi tutti in terrazza per il cocktail e i brindisi di rigore. Un buffet ricchissimo con la sorpresa della porchetta e dei salumi tra cui la profumata mortadella. Vino e altre prelibatezze in una miscela di internatinal e roman-style.
 

Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 21:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA