Al Ghione la serata del talent show
tra premi, spettacolo e borse di studio

Sabato 15 Giugno 2019
Al teatro Ghione di Roma si è svolta una serata speciale, un talent show dal titolo “Audition: the Final Show” organizzata e prodotta da Chaplin Accademy e dalla Problem Solving, condotta da una madrina di eccezione, l’affascinante Milena Miconi. La regia e la direzione artistica della serata sono state curate da Luca di Nicolantonio. Una sfida fra artisti della Chaplin Accademy: ballerini, cantanti, attori e performer completi, cresciuti nella fucina di questa Accademia. Luca Di Nicolantonio ha coinvolto in questa serata Mauro Atturo, imprenditore illuminato, CEO della Problem Solving e produttore teatrale e cinematografico. Atturo così come Di Nicolantonio credono nel talento, artistico e professionale. Atturo ha messo, per questo a disposizione dei vincitori tre borse di studio da 300 euro, per ognuna delle categorie in gara ed una borsa di studio da 800 euro, per il vincitore di “Audition” il miglior performer.

I tre giudici hanno decretato ognuno il vincitore di ogni singola categoria ed Angelo Perrone ha premiato il miglior Performer il vincitore. Mauro Atturo è noto per l’importanza e le attenzioni che riserva a tutti coloro che collaborano con lui. Lo human value, nelle sue aziende, è al centro delle sue strategie imprenditoriali. Il talento è un elemento che va coltivato ed aiutato, sia nella sua azienda la Problem Solving. Per questo ha deciso di sostenere questi talenti artistici, finanziando le borse di studio. Fra le sue produzioni: per il teatro “Call Center 3.0” campione di presenze degli ultimi cinque anni, superando ogni record di botteghino al Teatro de Servi di Roma. Per il cinema invece fra le sue ultime produzioni: ha coprodotto “Sconnessi” di Christian Marazziti e “Compromessi sposi” con Abatantuono e Salemme. Chaplin Academy of Performing Arts, nasce 5 anni fa ed è il risultato di tante idee ed esperienze, racchiuse assieme dal fondatore e Direttore Artistico Luca di Nicolantonio, performer e danzatore dei più famosi Musical, contenitori televisivi e shows messi in scena in Italia e non solo. Nasce per tramandare le nozioni basilari delle arti del Musical e per formare le figure ormai richieste in tutti gli ambiti dello spettacolo: i performers.

Una vera fucina di performers eclettici, che possono trovare una loro localizzazione nel mercato artistico non solo come performers di musical ma anche nel mercato discografico, cinematografico, teatrale e televisivo. A giudicare i ragazzi una giuria di eccezione composta da importanti professionisti ha decretato i vincitori. Presidente di giuria il noto press agent Angelo Perrone, gli altri giurati erano il cantautore Roberto Casalino (cantautore, paroliere e compositore italiano. Vanta una dozzina di numeri uno in classifica, Giusy Ferreri, Emma Marrone, Francesca Michelin, Magnifico per Fedez, Marco Mengoni, Alessandra Amoroso, Annalisa, Nina Zilli, Francesco Renga, Dear Jack e Antonello Venditti) il regista tv – teatro e coreografo Roberto Croce (coreografo dei musical italiani più famosi, "Evita" con Malika Ayane, "My Fair Lady" e "Tutti insieme appassionatamente" con Luca Ward, in tv nell’ultima stagione ha guidato la regia di Domenica in), e Fabio Grossi Regista attore e drammaturgo I giudici sono stati lasciati liberi di scegliere, è stato data loro la possibilità di identificare lo stesso concorrente per più categorie e così è stato. Il giovane Alessandro Carradori è stato decretato miglior cantante ed anche miglior danzatore, una grande preparazione tecnica insieme ad altrettanta intensità e passione lo contraddistinguono. Il settore recitazione ha visto trionfare Ginevra Tonti ed infine Cristiano Vicembrini, ha ricevuto il premio Audicion come miglior performer a tutto tondo, le fisique du role, un forte carisma ed una grande grinta sono alcuni dei suoi punti di forza, che lo hanno portato ad emergere. Una giuria tecnica, composta da professionisti del mondo dello spettacolo e della comunicazione, all’interno della quale anche Mauro Atturo, hanno supportato i giudici, commentando le varie performance, ognuno dal suo punto di vista professionale. Roberto Croce, Roberto Casalino, Fabio Grossi e Angelo Perrone si sono miscelati benissimo fra di loro, in questa totale diversità di back ground di competenze e di personalità, è stato un punto di forza della serata. Roberto Casalino si è poi esibito, seduto in proscenio, con la chitarra in acustico, non microfonato con il pubblico che cantava insieme a lui, è riuscito a creare un momento di stretta connessione con il pubblico e di alta poesia musicale. Ha cantato alcuni dei suoi pezzi più noti: “Non ti scordar mai di me”, che lo ha portato al successo, scritto per Giusy Ferreri, “L’essenziale” scritto per Marco Mengoni, che gli ha fatto vincere il Festival di San remo e “Mi parli piano” singolo scritto per Emma e andato in vetta alle classifiche nel 2018. Sul palco anche la presenza dell’esilarante Vincenzo De Lucia, attore di prosa e grande imitatore, che ha coinvolto magistralmente il pubblico con tre personaggi Barbara D’Urso, Maria De Filippi e Mara Venier.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma