ROMA

Terra di cinema tra premi e stelle

Mercoledì 10 Luglio 2019 di Roberta Marchetti
Lazio, crocevia di attori, registi, set e produzioni: per conformazione artistica una terra di cinema. Nella regione italiana in cui la settima arte si produce e si consuma di più, nel 2019 sono stati stanziati 22 milioni di euro, di cui 10 destinati al bando pubblico Lazio Cinema International, che sostiene le coproduzioni internazionali grazie all’attivazione di fondi europei.  

Premiati ieri sera al WeGil - lo storico palazzo di Trastevere diventato luogo simbolo delle eccellenze culturali - i 16 vincitori della prima finestra a cui è stato assegnato un finanziamento di 5,3 milioni di euro. Soddisfatto di questo importante progetto e dei suoi straordinari risultati il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che ha accolto con entusiasmo i presenti lasciando poi la parola alla conduttrice della serata, l’attrice Elda Alvigini, per l’assegnazione dei premi. 

Sul carro dei vincitori tra gli altri ‘3 Piani’ di Nanni Moretti, ‘Bastardi a mano armata’ di Gabriele Albanesi, ‘Fellini degli spiriti’ di Selma Jean Dell’Olio, ‘Glassboy, il bambino di vetro’ di Samuele Rossi, ‘I Liviatani’ di Riccardo Papa, ‘Il cattivo poeta’ di Gianluca Jodice, ‘Il nostro papa’ di Marco Spagnoli e Tiziana Lupi, ‘Lo spietato’ di Renato De Maria, ‘Maledetta primavera’ di Elisa Amoruso, ‘Nest’ di Mattia Temponi, ‘Pinocchio’ di Matteo Garrone, ‘Plan de table’ di Dean Craig, ‘The big other’ di Jan Schomburg e ‘The shift’ di Alessandro Tonda. Via vai di talenti sul palco, come nella platea, piena di alcuni dei protagonisti più importanti e apprezzati del grande schermo e del suo dietro le quinte. Tra le prime file ecco Vinicio Marchioni, il regista Matteo Garrone, Stefania Sandrelli, la giovane e talentuosa Matilda De Angelis e Ludovico Fremont, altro volto noto delle fiction. Nel parterre anche Carlotta Rondana, Elisabetta Pellini, Federica Sabatini - protagonista della serie tv Suburra 2 - e le attrici del Collettivo N, ma anche nomi del panorama internazionale come il regista statunitense Abel Ferrara.
Arrivano così a 79 le coproduzioni internazionali cofinanziate dalla Regione. Tutti film di grande rilievo che vantano ben 65 premi tra festival nazionali e oltre i confini, più 57 nomination, come ad esempio ‘Loro’ di Sorrentino e ‘Dogman’, capolavoro di Garrone. Finita tra gli applausi la premiazione in sala, fuori si brinda ai vincitori, ma soprattutto si brinda al cinema, arte e volano.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma