Bixio e la musica colonne sonore del Novecento

Mercoledì 29 Gennaio 2020 di Federica Rinaudo
Tanti attori e vip in fila al vernissage allestito al Museo delle Civiltà all’Eur
Gioire di musica. Dopo il successo ottenuto a Ravello, Spoleto, Napoli, Firenze e Pescara, è stata celebrata ieri pomeriggio a Roma l’apertura della mostra “C.A. Bixio – Musica e Cinema nel ‘900 italiano”, allestita in occasione del Centenario di Casa Bixio, presso il Museo delle Civiltà e Museo delle Arti e Tradizioni Popolari, nel quartiere Eur. La solennità dell’evento, dedicato appunto al noto compositore Cesare Andrea Bixio, ha lasciato presto spazio ad un clima di festa nel segno della musica e della cultura: «E’ la prima volta che la canzone popolare entra di diritto in un complesso museale - dichiarano i figli e curatori della rassegna Franco e Andrea - siamo felici e onorati di questa opportunità che ci piace definire come una sorta di nomination. La musica è di tutti e questa mostra lo comunica attraverso un percorso articolato, dalle bellissime parti grafiche appartenenti agli anni ’20 e ’30, fino ai brani dei grandi compositori che si sono cimentati nella realizzazione di colonne sonore con il nostro gruppo e sono diventati praticamente di famiglia».

A confermarlo sono proprio i numerosi ospiti che popolano le sale e che, con l’immensità dei loro sorrisi, lasciano percepire quelle sfumature di umanità rimaste inalterate nel tempo e sfociate non solo in rapporti professionali ma in una serie di legami d’amicizia, come quello con Vince Tempera, Stefano Mainetti e tanti altri. Tra spartiti, manifesti, copertine dei vinili, che già in passato si presentavano come quadri da appendere al muro, antichi cimeli, filmati d’epoca, è tutta un’esplosione di colori e forme che coinvolgono anche i ricordi di alcuni personaggi, tra i quali, Christian De Sica che si intrattiene a parlare con Paolo Conticini e Massimiliano Bruno.

Ci sono anche Claudio Simonetti e Alberto Mandolesi, intenti a commentare e ripercorrere gli anni d’oro del mercato discografico. Flash a raffica per Ludovico Fremont, Andrea Sartoretti, Elsa Alvigini. Pronti al brindisi, in un salone adiacente allestito con prelibatezze tipiche della tradizione culinaria del tricolore, ecco: Alberto Macario, Gianni Letta, Pino Ammendola, Paola Saluzzi, Davide Marengo, Francesco Rutelli, fieri di sottolineare l’impegno del fondatore di Casa Bixio, il primo a dare vita ad una società editoriale di musica popolare, grazie al quale canzoni come “Mamma”, “Parlami d’amore Mariù”, “Vivere”, sono diventate pietre miliari della nostra musica. Un esempio di talento da raccontare alle giovani generazioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma