Rossella Brescia stile Carmen, è la potenza del ballo

Mercoledì 30 Gennaio 2019 di Federica Rinaudo

Una “Carmen” dei nostri giorni. Sensuale e passionale come nell’opera- capolavoro di Georges Bizet, ma in versione moderna. Rossella Brescia è la protagonista di un classico senza tempo, riletto da Luciano Cannito, che ieri ha debuttato in via delle Fornaci a due passi da San Pietro, accolto con ripetuti e copiosi applausi. Nella platea gremita ci sono tante future danzatrici che non hanno voluto perdere l’opportunità di assistere alle performance del loro idolo in uno spettacolo che, per due anni di fila si è aggiudicato il biglietto d’oro come rappresentazione di danza più seguita in Italia. Le ballerine in erba sono emozionate, felici, pronte a contagiare con il proprio entusiasmo anche gli altri spettatori.
 

 

Nelle poltroncine rosse si riconoscono, infatti, Tosca D’Aquino, Samuela Sardo, Roberta Lanfranchi, diventate come “sorelle” dopo l’esperienza teatrale di “Belle ripiene”, ma ci sono anche, tra gli altri, Mita Medici, Vittoria Schisano, Francesco Apolloni e Vanessa Gravina, con la quale la Brescia ha portato in scena “Carmen, Medea e Cassandra - Il Processo”.  Tra le star della danza ecco Gaia Straccamore, étoile dell’opera di Roma, e Andrè De La Roche. Le luci si abbassano, il sipario si apre, il pubblico ammutolisce. Del cast anche il primo ballerino cubano Amilcar Moret.

Ultimo aggiornamento: 13:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani