Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tutti a casa di Jack per la prima in famiglia

Matt Dillon e Roberta Mastromichele
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Febbraio 2019, 11:04 - Ultimo aggiornamento: 11:07

“Buon compleanno!”, “Buon compleanno!”, “Buon compleanno!”, dicono in coro tanti fan, passanti e amici, di fronte al cinema di viale Giulio Cesare. Acclamano il divo Matt Dillon, in spolverino blu su t-shirt e pantaloni neri, che proprio ieri ha compiuto 55 splendidi anni. Ed è un vero e proprio bagno di folla quello che lo aspetta al multisala, dove l’attore americano sta per introdurre, ad una platea sold out, la sua ultima fatica come interprete: “La casa di Jack”, diretto da Lars von Trier. Ad accompagnarlo, in questa rimpatriata romana, la bella fidanzata capitolina Roberta Mastromichele, ballerina e attrice dallo sguardo deciso che per l’occasione sceglie un outfit molto casual: spolverino bianco e jeans con maglia a cuori disegnati.
 

 


I due hanno vissuto la loro storia d’amore sempre lontana dai riflettori, fra alti e bassi, rimanendo però comunque uniti. E tutti i fan sembrano conoscere il loro idillio. «Per 15 anni – dice Marco, del Quadraro - la sua compagna si è divisa fra l’Italia e gli Stati Uniti realizzando le coreografie per tour e videoclip di artisti del calibro di Ricky Martin, Robbie Williams e Kylie Minogue». «Sono davvero una gran bella coppia», aggiunge Giada, del Flaminio. Fra gli amici glam prenotati alla proiezione l’artista Emanuela Di Dionisio, l’autrice Valentina Stangherlin, Cristina Pacifici e Luca Donariello. Tutti amici di Dillon e invitati da lui stesso. Ecco lo YouTuber Lele Tarallo. 

Nel frattempo non si contano, su Instagram, i cuoricini spezzati, i mazzi di fiori, le torte e i complimenti per il genetliato dell’attore. Accanto alla foto che lo ritrae in Danimarca con il regista del film, von Trier, e all’altro interprete Bruno Ganz, da poco scomparso, si legge: «Il tuo modo di recitare ha completamente cambiato la mia vita e quella di tanti altri. Spero che questo giorno ti sorprenda». E ancora: «Tu sei il mio attore favorito. Ti auguro tutto il bene possibile per questa particolare ricorrenza». Ancora bagno di folla in sala per un serissimo Dillon, che ringrazia tutti con un grande sorriso e poi scappa via in macchina con la fidanzata, che mostra un vistoso anello. E si accende sullo schermo la cruenta storia di Jack, ingegnere psicopatico con tendenze ossessivo-compulsive. Dopo aver ammazzato una donna che gli ha chiesto soccorso per strada, si convince di dover continuare ad uccidere per raggiungere la perfezione. Curiosità tra le poltroncine e commenti stupiti, nel foyer, a fine proiezione. Poi la curiosità sale per dove Dillon porterà la sua bella a festeggiare. Ma su questo vige il top secret dell’entourage, che lo marca stretto. Un dettaglio però non sfugge: che la Mastromichele e il suo uomo amano l’amatriciana. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA