Roma, omaggio a Raffaella Carrà: il caschetto biondo più famoso va in mostra

Domenica 1 Luglio 2018 di Lucilla Quaglia

Tutti ad omaggiare il mito dell’eterna Raffa: ovvero Raffaella Maria Roberta Pelloni, in arte Carrà. L’inossidabile caschetto biondo adottato nei primi anni Settanta e quasi immutato troneggia nel corso del vernissage che AltaRoma dedica alla diva, nel tempio più adatto a lei: quello di Cinecittà. All’invito risponde, tra gli altri, la bella top model Giulia Gallo, divertita dagli storici abiti di scena. Curata da Fabiana Giacomotti, la rassegna viene celebrata come un vero e proprio party. E questo grazie alle sapienti selezioni musicali del dj Sergio Tavelli, impegnato nel far rivivere il ritmo della bionda e talentuosa showgirl. “La Carrà, come disse in un’intervista il regista Pedro Almodovar, non è una donna, è uno stile di vita - ricorda la curatrice - come non fare una mostra su di lei?”. “Iconoclasti. Lo stile di Raffaella Carrà nell’opera di costumisti e stilisti” mette in evidenza i segni e le simbologie più nascoste del fenomeno attraverso costumi, abiti, accessori, oggetti, video, foto, disegni preparatori e bozzetti. Tutto molto apprezzato da Fabiana Balestra, Lavinia Fuksas, Silvia e Ilaria Venturini Fendi. Più tardi si affacciano l’attrice Bianca Nappi e il designer Alessandro Enriquez. E il brindisi è glamour.
 

 

Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani