Manuel Agnelli, il live è un incanto: «Il futuro? Preferisco non saperlo»

Lunedì 4 Febbraio 2019 di Andrea Nebuloso

Doveva essere la presentazione del docufilm “Noi siamo Afterhours” girato dal regista Giorgio Testi, che festeggia i trenta anni della band partendo del concerto evento svoltosi lo scorso 10 aprile al Forum di Assago. In verità l’appuntamento di ieri pomeriggio alla libreria di via Appia si è trasformato in un mini live che ha entusiasmato il numeroso e caloroso pubblico presente. Sul palco Manuel Agnelli e il violinista Rodrigo che, dopo aver risposto alle domande di Mixo di radio Capital, hanno intonato insieme al pubblico quattro grandi successi degli Afterhours: Padania, Quello che non c’è, Ballata per la mia piccola iena e Non è per sempre.
 

 

Manuel Agnelli ha raccontato i lunghi anni di gavetta: «Ne avrei fatto volentieri a meno, ma in tutti questi anni non abbiamo perso la nostra identità. Il concerto del Forum l’ho preparato in tutti i particolari, ma appena salito sul palco ho sbagliato la prima nota. Errore chiave per fare diventare il concerto magico, come quando sbagli un rigore al secondo minuto e giochi tutta la partita con la rabbia e l’orgoglio di rimediare. Futuro? Preferisco non saperlo. Dal 30 marzo iniziamo un tour nei teatri e non sappiamo cosa andremo a fare. Venti concerti e ogni volta sarà un’emozione diversa». 

Fedez: «Lascio X Factor. Al mio posto un artista che ha sempre criticato i talent»
 

Ultimo aggiornamento: 10:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Più pulito della barba umana», è la rivincita del manto canino

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma