Maghi in scena per una serata da "mille e una sorpresa": e spunta Giorgio Pasotti

Sabato 26 Gennaio 2019 di Federica Rinaudo
Un colpo di fulmine per alcuni, una conferma di emozioni per altri. La magia, come la vita, è un insieme di alchimie. Al teatro Olimpico per la sedicesima edizione di SuperMagic, lo show fondato da Remo Pannain, bambini in fibrillazione, pronti a lasciarsi trasportare in un mondo delle meraviglie dove tutto è possibile grazie alla loro innocenza, e adulti affascinati dalle performance degli artisti, capaci di regalare ore di spensieratezza. All'apertura il tributo per Tony Binarelli, leggendaria icona, seguito da una parentesi tricolore che Pannain ha voluto dedicare all'Italia, terra di talenti anche quando si parla di illusionismo e prestidigitazione, con tanto di bandiera e inno.

Ad intonarlo orgogliosi Renzo Arbore, Stefano Pantano, con la moglie Lucia e il figlio, Giancarlo Magalli, Giorgio Pasotti con la figlia, Lillo che scambia battute con Magico Alivernini, Bustric, Bob Noceti, I Disguido. Immancabili le foto di rito come quelle tra Maurizio Battista con Gianni Loria e Franco Silvi, presidente del Club Magico Italiano e responsabile Lazio. Cala il buio e gli alchimisti avvolti da un velo di mistero popolano il palco per lasciare la scena ai campioni internazionali, Niek Takens, Nathalie Romier, Sangsoon Kim, Lord Martin, Jerome Murat, Maxim, Paolo Carta. A bocca aperta Lello Arena, Gaia De Laurentiis con la famiglia, Patrizia Pellegrino, Tiberio Timperi, Stefano Masciarelli, Francesca Reggiani. Bolle di sapone, giochi di luce, sorprendenti sparizioni e un pizzico di sana ironia conquistano anche i numerosi altri ospiti, tra i quali Manuela Villa, Mirca Viola, Sara Ricci, travolti dalla magia...arte senza età.
Ultimo aggiornamento: 13:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Più pulito della barba umana», è la rivincita del manto canino

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma