ROMA

Roma, un'esplosione di colori e musica per la festa più "arcobaleno" dell'anno

Domenica 17 Giugno 2018 di Alessandro Di Liegro
I colori dell'Holi Dance Festival (foto Paolo Caprioli /Ag. Toiati)

Un'esplosione di musica e colori all'Ex Dogana per l'Holi Dance Festival, il caleidoscopico format che missa la tradizione indiana con l'approccio occidentale agli eventi dance. Dalle tre del pomeriggio, fino a mezzanotte, oltre 2500 persone si sono scatenate nel ballo, completamente ricoperte di talco colorato spruzzato tramite dei ventilatori a intervalli più o meno regolari. Sul palco alcuni dei dj più hype della Capitale, tra cui Renee La Bulgara, Grove Head, Marco Flow, YDFWN, Ventura e Michael Fedeli.

Nel dancefloor giovani e giovanissimi, tavolozze umane di colori e felicità, stremati e gioiosi, perdersi nella danza in un'atmosfera di festa: «È la prima volta che portiamo l'Holi Dance Festival a Roma – dice William Gay di Unconventional Event – un format che già da dieci anni riempie locali a Londra e Berlino e che porta oltre 30mila persone nelle spiagge in Sardegna».
 

 

L'Holi è una festa tradizionale indiana, che celebra il passaggio dall'inverno alla primavera: un simbolo di rinascita che coinvolge intere città. Per l'esordio romano dell'Holi Dance Festival, lo Scalo Est dell'Ex Dogana si è mutato in un sobborgo indiano, preso d'assalto da migliaia di ragazzi che non hanno smesso un istante di ballare lanciandosi addosso bustine di colore e accalcandosi sotto il palco durante i countdown che precedevano i lanci di talco colorato.

«Questo è un evento non solo per ragazzi ma anche per famiglie – prosegue Gay – i bambini sono felicissimi di impiastricciarsi, mentre i genitori si divertono ballando. È un evento che abbraccia il pubblico a 360 gradi». Quando tramonta il sole e si accendono le luci dello Scalo Est, sono diventati ormai migliaia i partecipanti all'Holi Fest, dipinti di giallo, verde, rosa e blu, probabilmente ignari del significato tradizionale dell'evento – la vittoria del bene sul male – ma che festeggiano, come arcobaleni viventi, il loro tempo migliore.

Ultimo aggiornamento: 20:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani