ROMA

Bebe Vio madrina dei Giochi Senza Barriere: e spunta Fedez

Sabato 16 Giugno 2018 di Alessandro Di Liegro

«È una cosa a metà tra Ninja Warriors e Takeshi's Castle. Per me è il giorno più bello dell'anno». È un'euforica Bebe Vio, la campionessa paralimpica di scherma, a fare da padrona di casa all'ottava edizione di "Giochi Senza Barriere", che per la terza volta si è svolta presso lo Stadio dei Marmi a Roma.
 

 

Una gioiosa invasione di atleti, personaggi dello spettacoli e ragazzi con disabilità che divisi in otto squadre si sono dati, eufemisticamente, battaglia con giochi bizzarri e fantasiosi con lo scopo di incentivare l'interazione e la collaborazione tra compagni di squadra. I "supereroi" di questa edizione di "Giochi senza barriere" sono i ragazzi e le ragazze con disabilità, che in quest'occasione hanno collaborato insieme a grandi nomi dello showbusiness e dello sport, a partire da Fedez - preso d'assalto per foto e autografi - o Ivan Zaytsev, che ha giocato insieme al figlio Alexander. Il pubblico ha accolto con un incredibile entusiasmo il cast dell'ultima edizione di Amici, capitanato dal vincitore Irama, con Biondo, Emma, Brian, Filippo, Valentina, che ha cantato l'inno nazionale, chiamato a gran voce dai presentatori Giorgio Daviddi e Furio Corsetti. A rappresentare il mondo dello spettacolo anche Pio e Amedeo, rapidissimi al buffet in area vip, il duo Benji e Fede - amatissimi dalle più giovani - l'attore Paolo Conticini, la cantautrice romana Paola Turci e l'interprete Elodie, la bellissima Martina Colombari e lo speaker Danilo da Fiumicino. Nutrita anche la rappresentanza sportiva, a partire dai nuotatori Luca Marin e Massimiliano Rosolino, al "signore degli anelli" Yuri Chechi, all'ex rugbysta Martin Castrogiovanni, lo schermidore Stefano Pantano, la campionessa olimpica Valentina Vezzali, l'ex calciatore e dirigente Demetrio Albertini, la pattinatrice Valentina Marchei, i cestisti Stefano Tonut e Carlton Myers.

Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani