Roma, parata di giovani comici al festival Makketiridi

Martedì 12 Giugno 2018 di di Federica Rinaudo

Ridere fa bene alla salute. Numerosi studi scientifici lo confermano, ma il valore di una ricca risata è stato anche celebrato nel tempo da centinaia di proverbi, aforismi e frasi di illustri poeti e scrittori. Queste alcune delle motivazioni che hanno spinto Alessandro Mago Mancini, ideatore e fondatore del laboratorio di scrittura per soli professionisti Makkekomiko, a dare vita al Festival “Makketeridi”, andato in scena ieri sera nell’affollatissimo teatro di via Simone de Saint Bon.
Un inno all’ottimismo ma soprattutto un modo per andare a caccia di nuovi talenti con lo scopo di far emergere la creatività, l’originalità di ognuno. Sul web, ad esempio, è un vero e proprio boom di giovani che si sono messi in gioco lanciando tormentoni, gag o parodie. Ma molti si improvvisano senza avere le basi ed ecco che il festival, patrocinato dalla Regione Lazio, mira a sottolineare quanto sia importante indirizzare il proprio talento verso un percorso di studi, poiché solo con un certo rigore si può sperare di arrivare a trasformare la propria passione in un mestiere.
 

 

Dopo aver superato quattro giorni di selezioni la gara si è concentrata sui 12 finalisti, molti dei quali provenienti da Roma e provincia, pronti a sfidarsi in un talent show con tanto di voto del pubblico e l’immancabile giuria tecnica che ha schierato, tra gli altri, la bella Michela Andreozzi con il marito Max Vado, Carlotta Proietti, Ketty Roselli e Marco Terenzi, nonché esponenti delle agenzie di attori comici più prestigiose del panorama nazionale. Madrina dell’evento Janet De Nardis e tra gli ospiti in platea un esercito di maghi della risata: Sergio Viglianese, Annalisa Aglioti, Marco Passiglia, Angela De Prisco, Oscar Biglia, Michele Di Stio, Antonio Catalano, Fabrizio Mazzeo, vincitore della seconda edizione del Makketeridi, Gianluca Giugliarelli, Claudio Sciara, Gli Stonfiss.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani