Domenica 4 ottobre la Giornata delle Dimore storiche italiane: aprono gratuitamente oltre 300 tra castelli, rocche, ville e giardini

Mercoledì 23 Settembre 2020
Il Castello di Montegiove (Terni)
Senza allontanarsi troppo dalla Capitale, si potranno ammirare la Tenuta di Pietra Porzia a Frascati, il Palazzo Pelliccioni a Poli, la Tenuta di Fiorano sull'Appia Antica, il Castello di Torre in Pietra, la Villa Borghese Bell'Aspetto tra Anzio e Nettuno: l'importante è ricordarsi di prenotare la visita, di questi tempi assolutamente necessario. Domenica 4 ottobre torna la Giornata nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, con il patrocinio della Commissione nazionale italiana per l’Unesco: oltre 300 tra castelli, rocche, ville, parchi, giardini lungo tutta la penisola apriranno gratuitamente le porte per accogliere nuovamente tutti coloro che vorranno immergersi in luoghi unici della storia e del patrimonio artistico e culturale. Quella di quest’anno sarà un’edizione molto speciale anche perché, giunta al decimo anno, l’iniziativa si arricchisce della collaborazione con la Federazione italiana Amici dei musei (Fidam) e l’Associazione nazionale Case della Memoria.

La Giornata delle Dimore storiche vuole anche essere l’occasione per ricordare il ruolo di tutte quelle figure professionali – dagli artigiani ai restauratori, dai giardinieri ai maestri vetrai – che affiancano i proprietari custodi di questi beni e senza le quali non sarebbe possibile garantire la corretta manutenzione delle dimore, dei loro giardini e degli oggetti d’arte che le adornano. Oltre alla visita degli edifici, sono numerose le iniziative promosse dai proprietari, da mostre a concerti e spettacoli teatrali, per intercettare le esigenze del pubblico di ogni fascia d’età. Tutte le informazioni relative alle modalità di apertura e alle prenotazioni sono disponibili sul sito di Adsi al link: https://www.associazionedimorestoricheitaliane.it/visite_giornata_nazionale.php
© RIPRODUZIONE RISERVATA