Il nuovo libro di Verdone, quando la vita è come un film

Domenica 3 Febbraio 2019 di Valentina Venturi

Carlo Verdone si racconta per due ore dense, circondato da un'atmosfera di trepidante e sincera partecipazione. Nonostante la giornata romana di pioggia ininterrotta, il bookstore del Palazzo delle Esposizioni ieri pomeriggio era gremito di appassionati tra cinefili, signori di mezza età, ragazzi appassionati di Borotalco e curiosi dell'ultim'ora. Tutti presenti e attenti per seguire la presentazione del libro Carlo Verdone di Gian Luigi Rondi, della collana Visto dal Critico delle Edizioni Sabinae. Il piccolo volume passa in rassegna i suoi film attraverso le recensioni di Rondi e contiene un'intervista mai pubblicata, realizzata dal critico nel 2016, un mese prima della sua scomparsa.
 

 

Un'occasione rara per apprezzare dal vivo gli infiniti e coinvolgenti ricordi del regista romano. «Sono cresciuta con i suoi film - racconta emozionata Giovanna, arrivata da Lunghezza per ascoltare Verdone - Ricordo come fosse ieri i suoi divertenti sketch in televisione: ora trovarmelo qui in carne e ossa mi sembra un sogno». Piera Detassis, presidente dell'Accademia del Cinema Italiano e Premi David di Donatello lo introduce definendolo «il grande, l'immenso Carlo Verdone». Tra ricordi, battute e commenti sono tanti gli applausi che esplodono spontanei, come quando sottolinea che spetti solo al pubblico chiamarlo un bravo regista, «certo non ai critici». Alla domanda se sia giusto definirlo l'erede di Alberto Sordi risponde che «non è vero, anzi mi manda in bestia. Se invece penso ad un personaggio che mi sarebbe piaciuto interpretare direi il ruolo di Leopoldo Trieste nel Lo Sceicco Bianco di Federico Fellini. Ma poi sono stato il marito logorroico in Bianco, rosso e Verdone, mentre in Viaggi di Nozze ho caricato i tic del medico: un po' ci sono riuscito a riproporlo».
Valentina di vent'anni è in piedi, immobile da due ore, con in mano il libro in attesa di farselo firmare e ammette di aver rivisto Bianco rosso e Verdone decine di volte «eppure rido come fosse la prima». Sui nuovi tormentoni, secondo Verdone da o famo strano di Viaggi di Nozze datato 1995, oggi siamo passati a volevo condividere con te «una frase ripetuta mille volte al giorno: ormai è un abuso su tutto! Ma che voj condivide'!»; mentre al perché non abbia accettato di fare il sindaco di Roma, precisa come «nella vita si possa fare bene una cosa sola e la politica non fa per me, non ne sarei capace. Se avessi accettato avrei offuscato il mio lavoro di attore e sarei stato ricordato per quello che ha rovinato qualcosa. Meglio essere ricordato per Compagni di scuola che per qualche magagna!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 13:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Più pulito della barba umana», è la rivincita del manto canino

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma