Arabia Saudita, imprenditori e politici dall’ambasciatore per la festa nazionale

Martedì 25 Settembre 2018 di Elena Panarella e Rossella Fabiani

Grande serata all’Hotel Parco dei Principi per la festa nazionale del Regno dell’Arabia Saudita. A fare gli onori di casa, per la prima volta, il nuovo ambasciatore, Sua Altezza Reale il Principe Faisal bin Sattam, che è il quarto figlio del principe Sattam bin Abdulaziz Al Saud, uno dei trenta figli del re Abdulaziz.

 

 

Più di 500 gli ospiti. In prima fila il sindaco Virginia Raggi che si è trattenuta a lungo con il Principe accanto a una immensa torta a forma della grande moschea di Riad sistemata su un palco nel giardino dell’albergo, a bordo piscina. Un coro di bambini vestiti in abiti tradizionali ha intonato prima l’inno nazionale saudita e poi, in italiano, Fratelli d’Italia. A fare da sfondo il palazzo dell’ambasciata saudita sulla cui facciata venivano proiettate suggestive immagini del Paese e incontri istituzionali compresi quello con Papa Giovanni Paolo II e con il presidente Sergio Mattarella. Un filmato concluso con un intreccio delle bandiere italiana e saudita. Anche il menù della cena è stato un omaggio all’amicizia tra i due Paesi con piatti realizzati da una chef saudita con cibi della tradizione italiana e araba.

Imponente ed efficiente il servizio di sicurezza con droni che sorvolavano il parco dell’hotel dove si è svolta gran parte del ricevimento concluso poi con la cena nella sala Farnese. Presenti politici, esponenti del mondo industriale e rappresentanti del corpo diplomatico accreditato a Roma. La festa nazionale saudita ricorda il giorno della proclamazione del Regno da parte del re Abdulaziz il 23 settembre 1932, frutto della terza unificazione del Paese di cui quest’anno ricorre l’88° anniversario. Ma la storia della moderna Arabia Saudita è molto più lunga: la fondazione del primo Stato creato della famiglia reale Al Saud risale al 1744.

Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma