ROMA

A Palazzo Farnese una serata tra arte e teatro per il Romaeuropa Festival

Sabato 29 Settembre 2018 di Paola Pisa
Un momento della serata a piazza Farnese

La festeggiata della Serata di Gala a Palazzo Farnese sale la grande scala vestita di blu. Giovane, bella, sottile, ha lunghi capelli neri ondulati, la sala la saluta con un grande applauso quando racconta il suo spettacolo. Ad accogliere Caroline Guiela Nguyen, famosa regista e drammaturga francese di origine vietnamita, nel Salone di Ercole dell’ambasciata di Francia, è il padrone di casa, l’ambasciatore Christian Masset. Accanto al diplomatico c’è Monique Veaute, presidente della Fondazione Romaeuropa Arte e Cultura che parla della manifestazione della sua internazionalità. La serata, che si apre con il discorso del Capo Missione, è dedicata a Caroline e al Romaeuropa Festival che la vedrà attesissima protagonista oggi e domani all’Auditorium Parco della Musica nello spettacolo “Saigon” che ha già mietuto successi Oltralpe.
 

 

La piece si svolge in un ristorante, luogo ideale tra passato e presente, dove si racconta l’identità post-coloniale dei vietnamiti che hanno Parigi come nuova patria. A scortare la regina del ricevimento e la sua Compagnia, Les Hommes Approximatifs, il direttore di Romaeuropa Fabrizio Grifasi. Duecento e più gli invitati. Ecco arrivare a incontrare l’artista il direttore del Teatro dell’Opera Carlo Fuortes, Achille Bonito Oliva, Gabriele Kreuter-Lenz, direttrice del Goethe Institute, Francesco Rutelli, l’ambasciatore Ludovico Ortona e la consorte, Anna Coliva e il marito. E molti altri affascinati dalle meraviglie delle architetture, da quello che le serate romane promettono. Il Festival “occupa” Roma e la rende fino al 25 novembre Capitale dello spettacolo mondiale con teatro, musica, danza, mostre, installazioni, convegni e mille altre proposte ancora.
Lo illustra al microfono Monique Veaute. Poi parla la bella Caroline, ed ecco prendere forma quel ristorante che l’ha ispirata, la sua cucina con i piatti tipici, il karaoke. Speciale l’atmosfera che il pubblico potrà ammirare.

Ventisei i luoghi dove si svolgono eventi, trecento gli artisti coinvolti che vengono dai quattro continenti. Decine di migliaia di biglietti venduti. Ieri sera nei saloni della più bella ambasciata del mondo si è festeggiato. La cena a buffet ha proposto naturalmente fiumi e fiumi di champagne in calici per brindare. Tavole imbandite con leccornie, tartine gustose, salumi bocconcini prelibati con assaggi di formaggi francesi. Il dj si scatena in una musica elettronica. Cin cin al Romaeuropa Festival e ai suoi protagonisti tra capolavori di tutti i secoli.
 

Ultimo aggiornamento: 09:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma