Vittorio Sgarbi premia Stefano Ciotti. Le opere finaliste esposte alla mostra Arte e Omosessualità

Sabato 1 Dicembre 2018 di Roberta Savona
Vittorio Sgarbi e Stefano Ciotti
Arte e omosessualità, è la mostra di arti visive il cui tema è stato proposto da Vittorio Sgarbi e che è ancora in corso presso i Musei di San Salvatore Lauro a pochi passi da Piazza Navona, dove lo scorso 20 novembre ha visto l'artista romano Stefano Ciotti vincere il Premio Catel 2018 con l'opera Il frutto della conoscenza, che ha trionfato alla premiazione indetta dalla Fondazione Franz Ludwig Catel. A giudicare l'opera meritevole di vittoria, tra le quaranta partecipanti, una giuria composta dalla presidente di fondazione la dott.ssa Elisabhet Gericke Wolken, seguita dal maestro Ernesto Lamagna, professor Alfio Mongelli, professor Vittorio Sgarbi e l'architetto Leonardo Busiri Vici. Tutte le opere finaliste saranno visionabili nel Museo Umberto Mastroianni fino al 4 dicembre, grazie ad una collettiva patrocinata dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma.
E i riconoscimenti per Stefano Ciotti continuano con il Premio Internazionale d'Arte a tema Il Giocattolo, per cui l'artista si aggiudica un riconoscimento dal maestro Ennio Calabria, che definisce la sua opera come "una pittura che muta aspetti fondamentali di sè, dominata dall'interattività con la dimensione dell'infanzia". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma