Marcello Geppetti, ecco il libro sul fotografo della Dolce Vita

Domenica 6 Settembre 2020
Una foto di Marcello Geppetti: Sofia Loren, Carlo Ponti e Vittorio De Sica

Ha immortalato il mito della Dolce Vita negli anni ‘60, con gli scatti di Anita Ekberg e dei “bacio dello scandalo” tra Liz Taylor e Richard Burton, ma negli anni ‘70 Marcello Geppetti si trova anche all’Idroscalo di Ostia, dove è stato rinvenuto il corpo senza vita di PIer Paolo Pasolini e 4 anni dopo in via Caetani, il giorno del ritrovamento del cadavere di Aldo Moro. A raccontare la storia di uno dei re dei paparazzi romani è Vittorio Morelli con il libro Fotoreporter. Marcello Geppetti da via Veneto agli anni di piombo (edizioni All Around). Macchina fotografica al collo a cavallo della Vespa ad inseguire le star del cinema, Geppetti faceva parte di quel gruppo di fotografi d’assalto romani che Federico Fellini ha consegnato alla storia nel suo film.
Nel 1960 riprende Anita Ekberg che si difende dai fotografi nel 1960 armata di arco e frecce davanti alla sua villa romana. Nel 1961 ferma su pellicola Audrey Hepburn in una panetteria romana; nel giugno del 1962 a Ischia riprende il bacio tra Taylor e Burton con il suo teleobiettivo Novoflex da 400mm raddoppiato e montato sulla Nikon F. Tutti “colpi” messi a segno da un giovane fotoreporter arrivato da Rieti all’inizio degli anni Cinquanta e che aveva mosso i suoi primi passi nella professione iniziando da fattorino in un giornale della Capitale. L’1 marzo del 1968 la reflex di Geppetti è in azione a Valle Giulia, sede della facoltà di Architettura dell’Università di Roma, dove riprende con vividezza gli scontri di piazza tra i manifestanti e le forze di polizia. L’archivio fotografico di Geppetti, tenacemente conservato dal figlio, conta circa un milione di negativi. Pezzi di storia italiana. Che meritano di essere riscoperti. Assieme alla figura di un uomo che, come racconta il figlio, aveva una integrità morale tale da rifiutare i 12 milioni di lire (cifra astronomica nel 1962) da parte dell’avvocato di Richard Burton per ritirare le foto del bacio. La risposta di Geppetti fu no, perché «io lavoro per la stampa e non per i privati, e poi cosa si direbbe, di me, in giro?». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA