Tamara de Lempicka, asta dei record: quasi venti milioni per un suo quadro

Giovedì 6 Febbraio 2020
Ritratto di Marjorie Ferry
Asta dei record per l'artista icona dell'Art déco, Tamara de Lempicka (1898-1980). Il "Ritratto di Marjorie Ferry" (1932) è stato battuto, ieri sera, all'asta da Christie's a Londra per 16.280.000 sterline (19.161.560 euro o 21.164.000 di dollari). L'acquirente è un collezionista che ha richiesto di restare anonimo ed ha pagato oltre il doppio della stima (8 milioni di sterline) per accaparrarsi la tela. De Lempicka diviene così anche la prima donna in assoluto a primeggiare in un'asta di un catalogo di "Impressionist and Modern Art".

Tamara de Lempicka, al Palazzo Forti di Verona le opere di una pittrice rivoluzionaria

La nuova aggiudicazione ha frantumato il precedente primato stabilito da un lavoro dell'artista polacca lo scorso 12 novembre da Sotheby's a New York: in quell'occasione la tela ad olio "La tunique rose" (1927), sensuale ritratto di una giovane donna in sottoveste distesa su un sofà, era stata battuta per 13,4 milioni di dollari, più del doppio della stima iniziale.

Il volto del '900 da Matisse a Bacon

Il celebrato ritratto da record fu commissionato dal marito della stella del cabaret di origine britannica Marjorie Ferry al culmine della fama di de Lempicka a Parigi, dove era la pittrice simbolo dell'Art Déco più ricercata e celebrata. Mostra la cantante con i suoi conturbanti capelli biondi avvolta in un lenzuolo che lascia scoperta
gran parte della schiena.

Romania, trovato quadro che potrebbe essere un Picasso rubato

Agli inizi degli anni '30 Lempicka era diventata la prima ritrattista richiesta sia dai ricchi europei che americani, in
particolare da coloro che avevano un occhio per il modernismo classicizzato. Oggi i suoi quadri sono posseduti da molte celebrità, tra cui Jack Nicholson, Barbra Streisand e Madonna, e ciò non fa che accrescere le sue quotazioni sul mercato internazionale dell'arte.

Nella stessa asta londinese di ieri sera da Christie's il pittore tedesco George Grosz (Berlino, 1893-1959) ha conquistato il suo nuovo record: il capolavoro del luglio 1918 che offre una spettrale rappresentazione politicizzata della Grande Guerra vista dalle strade di Berlino, dal titolo "Gefährliche Straße" (Strada pericolosa), è stato venduto ad un anonimo collezionista per 9.740.250 sterline (12.662.325 dollari o 11.464.274 euro), oltre il doppio della stima iniziale. Il quadro è stato messo in vendita a 100 anni esatti dalla prima esposizione, avvenuta in occasione di una mostra personale dedicata a Grosz alla Galerie Neue Kunst di Monaco di Baviera.

Nell'asta di Christie's spicca anche l'aggiudicazione di un dipinto del 1962 del pittore belga surrealista René Magritte (1898-1967) dal titolo "À la rencontre du plaisir". L'opera combina alcuni dei motivi più iconici del maestro in un'unica immagine evocativa: con 18.933.750 sterline (24.613.875 dollari o 22.285.024 euro) rappresenta il secondo prezzo più alto per un lavoro di Magritte. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi