Sturmtruppen compie 50 anni: una mostra per celebrare il genio di Bonvi

Giovedì 6 Dicembre 2018 di Paolo Travisi
Mostra

Il soldaten di Bonvi compie 50 anni e si mette in mostra insieme al resto della Sturmtruppen. L’esposizione allestita a Palazzo Fava, a Bologna, celebra il sentimento di protesta del disegnatore di Modena, che in pieno ’68, creò questo esercito sgangherato, stando seduto al tavolo di un’osteria. Ecco la nascita di un mito dei fumetti che viene ripercorso attraverso 200 opere selezionate dalla figlia di Bonvi - al secolo Franco Bonvicini - Sofia, curatrice della mostra insieme a Claudio Varetto. Anche la scelta della location di Sturmtruppen 50, ha ben poco di casuale. A qualche centinaia di metri dal Palazzo, Bonvi aveva il suo studio, dove disegnò ogni giorno fino al 6 dicembre 1995, quando lasciò in eredità al mondo i suoi soldaten. Nella scelta di un personaggio corale, l’esercito fatto di sergenten, capitanen, generalen, Bonvi aveva trovato la chiave ironica per esprimere il suo dissenso antimilitarista, e soprattutto la repulsione verso la guerra che in quegli anni opponeva Occidente ed Oriente. Nell’ambientazione palese della Seconda Guerra Mondiale, Bonvi, aveva inserito un solo personaggio connotato di nome e cognome: un certo Galezzo Musolesi, l’alleaten.
 

 

Oltre alle 200 opere, per lo più inedite, provenienti dall’Archivio Bonvicini, ci sono in mostra anche altri personaggi usciti dalla sua matita: Cattivik, Nick Carter, opere pittoriche mai esposte e quelle VM18 con Play Gulp, parodia erotica di tutto il mondo del fumetto. La sua arte fumettistica ha influenzato autori degli anni successivi, divenendo parte integrante della cultura pop italiana, apprezzato sia dal grande pubblico che da intellettuali come Umberto Eco.

La mostra sarà visitabile fino  al 7 aprile 2019 a Palazzo Fava (via Manzoni, 2).
Orari: da martedì a domenica ore 10-20 Ingresso: 12 € Ridotto: 10

Ultimo aggiornamento: 22:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri