Salone del Libro: a Torino anche Rushdie, Ernaux, Piketty. Il tema guarda all'ambiente

Martedì 18 Febbraio 2020
Nicola Lagioia

Presentato il nuovo Salone del "Altre forme di vita" sarà il titolo dell'edizione 2020 del Salone del Libro di Torino, in programma dal 14 al 18 maggio prossimi. Lo ha reso noto oggi il direttore della kermesse, Nicola Lagioia. I paesi ospiti saranno Irlanda e Canada. Regione ospite sarà la Campania. «Torino è una vera eccezione culturale perché tra le istituzioni culturali che hanno la vera forza di fare rete», ha osservato Lagioia.

Tra i superospiti della rassegna, Annie Ernaux, Salman Rushdie, Thomas Piketty, l'irlandese Edna O'Brien, la canadese Gabrielle Filteau-Chiba. Pat Metheny terrà un concerto il 14 maggio all'Auditorium Agnelli al Lingotto e qualche ora prima si racconterà al Salone. Ci sarà anche un concerto dei giovani musicisti dell’Orchestra Scarlatti Junior, sezione giovanile della Nuova Orchestra Scarlatti diretta dal maestro Gaetano Russo. Il 17 e il 18 maggio si terrà una scuola dell'editoria. 

Il Salone del libro di Torino celebrerà i 100 anni dalla nascita di Rodari

"Altre forme di vita" è - informa un comunicato del Salone - un’esortazione a fantasticare sulla fisionomia umana negli anni a venire, a un decennio dai traguardi fissati dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Spazio anche ai giovani di "Friday For Future" che faranno la loro biblioteca ideale.

Il manifesto della 33esima edizione, qui sopra, è un’opera di Mara Cerri, nata a Pesaro nel 1978. Nella figura, nuova e antica insieme, si ritrova l’iguana di Anna Maria Ortese, ma anche il Tarkovskij di Stalker: il risultato è un essere cangiante, notturno e luminoso, capace di entrare in comunione con il creato attraverso una pelle di erba, fiori e squame, e grazie alle pagine di un libro-insetto.

Escluso dal Salone, l'editore di Casapound ora chiede i danni

Il Salone comincia ben prima di maggio: è iniziato già dall’autunno con la rassegna Aspettando il Salone. Ben Lerner sarà alla Scuola Holden lunedì 16 marzo ore 19. Da non perdere, lunedì 23 marzo presso la Scuola Holden, l'incontro con Miles Hyman, che presenterà la graphic novel "La lotteria" (Adelphi), ovvero il racconto da cui è nata la leggenda di Shirley Jackson, il testo più letto nella lunga e gloriosa storia del New Yorker. Hyman è, tra l'altro, il nipote della scrittrice amata anche da Stephen King. Infine, la designer e scrittrice tedesca Judith Schalansky è attesa al Circolo dei lettori mercoledì 15 aprile ore 18.30 con Cristiano De Majo. Il suo ultimo libro è Inventario di alcune cose perdute (nottetempo), in cui gioca a ricreare mondi del passato a partire da pochi frammenti.
 

 

Ultimo aggiornamento: 18:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi