Rai, Franceschini presenta “Italia. Viaggio nella bellezza”: «Caserta simbolo di rinascita»

Martedì 4 Ottobre 2016 di Valentina Tocchi

«Questi documentari sono solo una prova delle potenzialità del racconto con le immagini per valorizzare la cultura e l'Italia. Distribuire la cultura è una precisa esigenza del nostro paese». Così il ministro Dario Franceschini ha commentato la presentazione del progretto di Rai Storia “Italia, viaggio nella bellezza”, una serie di documentari prodotti da Rai Cultura  in collaborazione con il ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che lunedì 10 ottobre inizierà con il documentario dedicato alla reggia di Caserta. 
Accolto dalla presidente Monica Maggioni, dal direttore generale Antonio Campo dall'Orto e dal direttore di Rai Cultura Silvia Calandrelli, il ministro Franceschini ha poi sottolineato l'importanza del racconto televisivo, che potrebbe magari approdare sulle reti generaliste e non essere più solo appannaggio delle tv tematiche, per diffondere cultura. 

«La reggia di Caserta è il simbolo di una rinascita» ha detto il ministro,«ma non può restare l'unico e dobbiamo valorizzare anche quei luoghi che non sono conosciuti nei circuiti internazionali del turismo. Ogni anni abbiamo oltre 5 milioni di visitatori internazionali che arrivano nel nostro paese, e invece che lamentarci dobbiamo governare la crescita e destinarli a luoghi che sono meno conosciuti dei classici itinerari. La tv può fare tutto questo». 

Concorde anche il direttore Campo dall'Orto, che ha affermato. «Gli ascolti della proiezione di Fuoco ammare su Rai3 fanno pensare che si possa rischiare ogni tanto di sperimentare la cultura in prima serata su una rete generalista» ha detto il direttore, che ha proseguito. «Quest'anno trasmetteremo la “prima” della Scala su RaiUno, e stiamo poi studiando dei formati ad hoc, magari di breve durata, per  iniziare a passare il racconto della cultura sulle reti generaliste, mentre sul web stiamo già a buon punto grazie ad applicazioni come RaiPlay che sono per loro stessa natura ideali per fruire di contenuti come quelli culturali».

E se i documentari Rai hanno evidenziato gli ingenti investimenti fatti per il restauro della reggia di Caserata è stato lo stesso Franceschini a sottolineare come la cura del nostro patrimonio culturale sia anche un valido strumento per creare occupazione. «Gli investimenti sui beni culturali sono passati da 40 milioni nel 2014 a oltre 1 miliardo e mezzo di euro: sono lavori, investimento, occupazione ma anche indotto e turismo. Stiamo operando in tutta Italia per riqualificare il patrimonio dello Stato, opereremo anche a Roma». 

 

Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Per la fidanzatina del figlio la mamma diventa sfinge

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma