Premio Strega, 54 i titoli presentati Il 15 marzo si saprà la dozzina scelta

Martedì 3 Marzo 2020
Il Ninfeo di Villa Giulia, sede della finale dello Strega
Sono 54 i libri presentati dagli Amici della domenica al Premio Strega 2020, tre in meno del 2019 quando si era raggiunto il record assoluto con 57 titoli. Gli ultimi nove titoli sono stati pubblicati sul sito del premio www.premiostrega.it poco prima che si chiudessero le candidature aperte fino alle 12.00 del 3 marzo. Questi i nove autori e titoli: Gianluigi Bruni con Luce del Nord (Rubbettino), proposto da Antonio Pascale; Pasquale Critone con Il tesoro sacrilego (Armando), proposto da Antonio Augenti; Lidia Del Gaudio con Il delitto di via Crispi n.21 (Fanucci), proposto da Marcello Ciccaglioni; Francesco Falconi con Gli anni incompiuti (La Corte), proposto da Alessandro Perissinotto; Antonio Gnoli e Francesco Merlo con Grand Hotel Scalfari (Marsilio) proposto da Pietrangelo Buttafuoco; Claudio Lagomarsini con Ai sopravvissuti spareremo ancora (Fazi), proposto da Laura Minervini; Pierluigi Luisi con Il posto dei fichi d’India (Aracne ), proposto da Paolo Ferruzzi; Francesco Marino con Lo chef consiglia amore (Cairo), proposto da Lina Wertmuller e Renzo Paris con Miss Rossellì (Neri Pozza), proposto da Nadia Terranova.

Tra i 54 libri saranno scelti dal Comitato direttivo del Premio, che si riserva di potere anche segnalare altre opere, i dodici che si disputeranno l’edizione 2020. La dozzina sarà annunciata il 15 marzo alla festa del libro e della lettura “Libri Come”, all’Auditorium Parco della Musica di Roma. La prima votazione, in cui verrà scelta la cinquina, sarà il 10 giugno, quasi sicuramente al Tempio di Adriano, a Piazza di Pietra e non nella storica sede a Casa Bellonci che verrà ristrutturata per trasformarsi in Casa Museo. La cerimonia finale, con la scelta del vincitore dell’edizione 2020, si svolgerà il 2 luglio al Ninfeo di Villa Giulia.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani