Lo sciatore venuto dalla preistoria: scoperta coppia di sci di 3000 anni fa meglio conservati al mondo

Il momento in cui lo sci è stato girato (foto: Andreas Christoffer Nilsson, Secretsoftheice.com)
di Laura Larcan
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Ottobre 2021, 10:54 - Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 12:58

Lo sciatore venuto dal freddo, ormai lo chiamano così gli studiosi. «Abbiamo trovato il paio di sci preistorici meglio conservati!» Completi di attacchi originali. L’annuncio arriva direttamente dall’équipe di archeologi dei ghiacciai del programma “Secrets of the Ice”. Perfettamente conservati, con tanto di attacchi originali, dove lo sciatore ha messo il piede. Parliamo di uno sciatore pre-vichingo, dell’Età del Ferro. Oltre 3000 anni fa. Lo scenario è quello del Digervarden Ice patch nel Reinheimen National Park nel sud della Norvegia. La storia della scoperta è molto articolata, perché di fatto la coppia di sci è stata riunita dopo sette anni di ricerche sullo strato di ghiaccio.

IL PRIMO SCI

Nel 2014, il gruppo di archeologi dei ghiacciai intercettò il primo sci. «Era completo, compresi gli attacchi, uno degli unici due sci della preistoria in queste condizioni - racconta Lars Pilø, archeologo glaciale e redattore del sito web Secrets of the Ice - Da allora, abbiamo monitorato la zona di ghiaccio, sperando e pregando che il secondo sci della coppia si sciogliesse. Ora è successo! Il nuovo sci è ancora meglio conservato del primo! È una scoperta incredibile». E’ stata la sua sepoltura ghiacciata a mantenerlo ben conservato. Lo scorso settembre l’impresa è stata coronata. La notizia è stata diffusa solo ora, ripresa dalle testate scientifiche internazionali, come Live Science.

IL SECONDO SCI

Gli archeologi hanno individuato il secondo sci a soli 16 piedi (5 metri) dal punto in cui è stato trovato il primo. Lo sci giaceva con la parte inferiore rivolta verso l’alto. Espen e Julian lo sollevarono con cautela dal ghiaccio. Il momento della verità è arrivato quando hanno girato lo sci ed è apparso l’attacco. Era lo stesso tipo di attacco dello sci trovato nel 2014. Gli sci sono un paio, persi insieme 1300 anni a.C. «Il nuovo sci - si legge nel report ufficiale del sito Secrets of the Ice - è dello stesso tipo del primo sci trovato qui. È ampio, con appoggio rialzato e con l’attacco ancora conservato, proprio come quello ritrovato nel 2014. Il nuovo sci è lungo 187 cm e largo 17 cm. Questo è 17 cm più lungo e 2 cm più largo del primo sci trovato qui. La conservazione del nuovo sci è molto migliore, probabilmente perché era 4-5 m più nel ghiaccio. Ciò potrebbe spiegare alcune delle differenze di dimensioni tra i due sci».

LO SCIATORE DELL'ETA' DEL FERRO

Gli sci non sono identici. «Sono fatti a mano, non prodotti in serie - scrive Lars Pilø sul sito Secrets of the Ice -. Hanno una lunga e individuale storia di usura e riparazione prima che uno sciatore dell’età del ferro li usasse insieme e finirono nel ghiaccio. Gli sci preistorici con gli attacchi conservati sono estremamente rari. Infatti, quando il primo sci è apparso nel 2014, era solo il secondo sci di questo tipo al mondo. L’unico altro esempio di sci con un attacco conservato è uno sci singolo di Mänttä in Finlandia, che è leggermente più vecchio di quello di Digervarden. Il paio di sci della distesa di ghiaccio di Digervarden è il paio di sci preistorici meglio conservato al mondo! Ci sono altre coppie di sci preistoriche, ma nessuna ha l’attacco conservato. Il legame è fondamentale. Senza l’attacco, è molto più difficile dire come sono stati utilizzati gli sci».

© RIPRODUZIONE RISERVATA