La “poetica dei numeri primi” protagonista di una grande mostra per Matera Capitale europea della Cultura

Il matematico Piergiorgio Odifreddi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Giugno 2019, 17:05
La “poetica dei numeri primi” sarà protagonista della terza grande mostra del programma di Matera Capitale europea della Cultura 2019. L'obiettivo dell'iniziativa sarà quello di «vedere la matematica dall'interno, attraverso la bellezza dei numeri e i suoi contenuti specifici, e dall'esterno attraverso i numeri della bellezza e le sue relazioni con il resto della cultura». La mostra «La Poetica dei numeri primi. Da Pitagora agli algoritmi», con la direzione scientifica del matematico Piergiorgio Odifreddi si articola in cinque esposizioni fra Metaponto e Matera, con due percorsi, uno storico-didattico e uno artistico, un laboratorio interattivo, a cui si affiancano una serie di iniziative che si svolgeranno in parte a giugno in occasione del solstizio d'estate e in parte a settembre per l'equinozio d'autunno.

Il 21 giugno alle 18.30 si terrà la cerimonia di apertura delle due mostre allestite presso il Museo archeologico di Metaponto: 
«Numeri nel tempo. Contare, misurare, calcolare», a cura di Claudio Bartocci e Luigi Civalleri e «Riempire il vuoto. Le simmetrie da M.C. Escher ai contemporanei», a cura di Federico Giudiceandrea. Sabato 22 giugno al Parco Archeologico di Metaponto  si svolgeranno Una notte con Pitagora dalle 19 alle 24 e Aspettando l'alba con Pitagora dalle 5.30 alle 9 del giorno dopo. Sempre domenica verrà inaugurato il percorso artistico de «La Poetica dei numeri primi» allestito a Matera presso Palazzo Acito, uno dei palazzi simbolo dei Sassi, ora riaperto al pubblico. Le mostre che compongono il percorso sono «Numbers», con opere di Ugo Nespolo, «Elementi di calcolo trascendentale» con opere di Tobia Ravà e «Computed Art» con opere di Aldo Spizzichino.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA