La bellezza delle locandine cinematografiche in mostra a Lubiana

La grande bellezza (@Museo Fermo Immagine; grazie all'Associazione Culturale Dioniso)
di Valentina Venturi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Dicembre 2018, 23:37 - Ultimo aggiornamento: 23:38

Nonostante la tecnologia abbia modificato le nostre abitudini, la magia del manifesto cinematografico non smette di farsi sentire. Un po' come le copertine degli Lp dei vinili, così il manifesto cinematografico italiano, nato nel 1907, è stato per oltre mezzo secolo (ed è ancora), un fondamentale mezzo di comunicazione.

Con disegni d'autore prima, e con l'inserimento di immagini fotografiche dal set successivamente, noti artisti sono stati chiamati a creare uno specifico linguaggio visuale sul modello dei manifesti circensi, teatrali o dell'opera. Un modo per suggerire le atmosfere dei film e ovviamente sfruttare la popolarità dei volti di grandi star del momento. La locandina ha dato vita ad un contatto diretto e immediato con il pubblico, contribuendo a volte, grazie alla forte capacità evocativa e immaginifica, persino a successi o insuccessi dei film in uscita.

Per omaggiare questa vera e propria arte è stata ideata a Lubiana la mostra "La Grande Bellezza. 50 anni di cinema italiano attraverso i manifesti", a cura di Pier Giorgio Carizzoni. Una selezione di 40 locandine originali dell’epoca, tutte di proprietà del “Museo Fermo Immagine”, che mostrano l'evoluzione grafica e ideativa dei poster dei film della "commedia all'italiana" e delle opere di registi italiani premiati a Festival internazionali.

Curata dall’Associazione Culturale Dioniso di Milano e organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura in Slovenia in occasione della Settimana della Cultura Italiana, la mostra è visitabile fino al 13 gennaio al terzo piano della Biblioteca Oton Župančič di Lubiana, ad ingresso libero.


La Grande Bellezza. 50 anni di cinema italiano attraverso i manifesti​
Dal 3 dicembre 2018 a domenica 13 gennaio 2019
Biblioteca Oton Župančič, Kersnikova 2, Lubiana
Organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura in Slovenia

In collaborazione con l'Associazione Dioniso; Biblioteca Oton Župančič

© RIPRODUZIONE RISERVATA