JK Rowling, Emma Watson si schiera con le persone transgender: «Meritano rispetto»

Giovedì 11 Giugno 2020
J.K. Rowling
Non si placa lo scontro sulle persone transgender tra JK Rowling e i gruppi Lgbt sostenuti da alcuni vip, fra cui l’attore di Harry Potter, Daniel Radcliffe. La scrittrice britannica, creatrice della saga del maghetto, è tornata a difendere l’identità femminile come una realtà biologica, rivelando di aver subito una serie di abusi, fra cui un’aggressione sessuale quando era ventenne e maltrattamenti domestici da parte del primo marito.

Proprio per rispondere alle accuse arrivate da più parti, l’autrice ha scritto un dettagliato resoconto di quanto subito e lo ha pubblicato sul suo sito internet. Si definisce una «vittima di abusi domestici e aggressione sessuale» e ha sottolineato la sua piena libertà di espressione, difendendo i tweet postati nei giorni scorsi. «Dico queste cose non certo per suscitare compassione, bensì per solidarietà con le molte donne che hanno una storia come la mia e che sono state definite estremiste per esprimere dubbi sugli spazi privi di differenze di genere», ha inoltre affermato. Mentre Rowling cerca di difendersi, però, altri la attaccano. Dopo Radcliffe è intervenuta anche l’attrice Emma Watson, che veste i panni di Ermione nella serie cinematografica di Harry Potter. «Le persone trans meritano di vivere la loro vita senza che siano altri a definirli», ha tuonato. Parole simili quelle di un’altra star, Eddie Redmayne, secondo cui la scrittrice coi suoi controversi tweet è andata contro l’identità e la dignità dei transgender.  Ultimo aggiornamento: 13:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani