Giotto, tre anni di lavori per gli affreschi di San Francesco a Santa Croce

Lunedì 13 Maggio 2019
Giotto torna nelle mani dei “medici”. A settant'anni dall'ultimo intervento, è in partenza un nuovo restauro per il ciclo di Giotto con le Storie di San Francesco, dipinto intorno al 1325 a Firenze in Santa Croce nella Cappella Bardi e oggetto di vicende conservative tormentate. L'operazione, affidata all'Opificio delle pietre dure di Firenze, durerà tre anni, avrà un costo di un milione di euro e servirà per la conservazione e per l'approfondimento della tecnica dell'artista. Negli ultimi anni l'Opificio ha svolto un lavoro di ricerca sull'opera di Giotto nelle cappelle Bardi e Peruzzi da cui sono emersi problemi che riguardano sia l'intonaco che la pellicola pittorica: l'intervento prevede una prima fase di campagna diagnostica, che sarà avviata immediatamente, e il successivo restauro conservativo per il quale saranno utilizzate le più recenti strumentazioni opto-elettroniche.

Il progetto di restauro è stato presentato tra gli altri da Irene Sanesi, presidente dell'Opera di Santa Croce, Marco Ciatti, soprintendente dell'Opificio delle pietre dure, Andrea Pessina, soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana di Firenze. Per l'Opera di Santa Croce, ha spiegato Sanesi, il progetto di restauro della Cappella Bardi di Giotto è «un evento unico. L'Opificio delle pietre dure si appresta adesso ad avviare il cantiere che si prospetta complesso e non breve». «Il progetto di conservazione e restauro - ha sottolineato Ciatti - si inserisce nella complessa vicenda conservativa dell'opera che rappresenta uno dei casi più importanti a Firenze per la storia del restauro».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma