Pompei, Gabriel Zuchtriegel è il nuovo super direttore del parco archeologico, sbaragliati 44 candidati

Pompei, Gabriel Zuchtriegel è il nuovo super direttore del parco archeologico, sbaragliati 44 candidati
di Laura Larcan
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Febbraio 2021, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 17:25

Gabriel Zuchtriegel è il nuovo super direttore del parco di Pompei. Trentanove anni, arriva dalla guida del parco archeologico di Paestum, pronto a prendere l'eredità importante di Massimo Osanna. La nomina è stata annunciata al Colosseo dal ministro Dario Franceschini.

 

Video

"Pompei è il sogno di una vita. Pompei è una grande sfida, partirò dalla squadra molto competente. Dobbiamo raccontare un patrimonio unico al mondo ma anche le nostre eccellenze tecniche nell'archeologica. Pompei non è un luogo morto ma quanto mai vivo", dichiara subito Zuchtriegel che si candida ad essere ancora una volta il direttore più giovane del Ministero della Cultura, classe 1981. Tutela, ricerca, inclusione, risvolti sociali e buffer zone con la valorizzazione dei siti minori, questi i punti chiave del suo programma. Zuchtriegel ha superato 44 candidati al concorso internazionale convincendo una commissione di altissimo prestigio presieduta da Marta Cartabia. Zuchtriegel , tedesco di nascita e ora cittadino italiano arriva dopo i successi al parco archeologico di Paestum che guida dal 2015.

Video

Soddisfatto Franceschini: "Ricordo tante polemiche sul fatto che fosse giovane e straniero per l'incarico per Paestum. Invece ha convinto tutti con buone idee ma anche con la risolutezza di portare a casa risultati. Zuchtriegel ha cambiato il volto di  Paestum, ha aumentato i visitatori, aperto luoghi, avviato nuovi progetti per il territorio, il bilancio è cresciuto moltissimo Da quando c'è lui Paestum è diventata in Italia e nel mondo un modello di grande cambiamento la prova che quando In Italia c'è da rimboccarsi le maniche per cambiare ci si riesce". "Ritengo fondamentale che negli ultimi anni a Pompei si sia rafforzata una squadra di professionisti, e per me Pompei significa lavorare in squadra - continua il ministro - Siamo apripista per tutela, fruizione integrata e lavoro con la squadra".

Massimo Osanna non può che fare gli auguri. "Sono molto contento della scelta. A Pompei ci vuole una persona che conosca bene il territorio. A Pompei non bisogna abbassare la guardia, bisogna continuare una manutenzione sistematica, una programmazione, piani di risvolti sociali e coinvolgimento del territorio. E lavirare sui siti minori, da Oplontis a Boscoreale, e bisogna lavorare per turismo sostenibile". Dopo la Grande Pompei c'è ancora molto da fare per l'archeologo.

"È un sogno guidare Pompei, anche essere cittadino italiano. La sfida? Dare priorità alla tutela preventiva anche con la tecnologia, stiamo assistendo anche a cambiamenti climatici e dobbiamo sperimentare soluzioni sempre più all'avanguardia". Nei primi cento giorni? Ascoltate i colleghi, vedere come attuare programma che punta su tutela inclusione accessibilità. Un processo che non finisce mai. E soprattutto la ricerca, come renderla sempre più pubblica ossia raccontare risultati e processi con laboratori e scavi. Pompei e' il sogno di una vita è una grande responsabilità sono felice della sinergia con la squadra. E punteremo ad un turismo lento"

© RIPRODUZIONE RISERVATA