Monte Everest, i rifiuti abbandonati dagli alpinisti si trasformano in opere d'arte

Mercoledì 24 Febbraio 2021
Monte Everest, i rifiuti abbandonati dagli alpinisti si trasformano in opere d'arte

Si fa arte con gli stracci (Michelangelo Pistoletto), con gli animali in formaldeide (Damien Hirst), con i gusci dei coleotteri (Jan Fabre) e perfino con il proprio sangue (il brasiliano Vinicius Quesada), perché dunque non immaginare di riutilizzare  anche le grandi quantità di rifiuti che vengono riportate a valle dopo le scalate sull'Everest? Tra le varie forme di riciclo dei materiali che si accumulano dopo le operazioni di pulizia dei percorsi di salita, il Nepal ha introdotto anche un'opzione artistica. Tutto quello che viene abbandonato da trekker e alpinisti, dalle bottiglie di ossigeno vuote alle tende semidistrutte, dai pezzi di corda ai contenitori degli alimenti, dalle scale rotte alle lattine di alluminio, viene trasformato in opera d'arte. Lo scopo è duplice: non solo eliminare grandi quantità di spazzatura che stanno trasformando la montagna più alta del mondo in una discarica da record, ma anche sensibilizzare l'opinione pubblica verso la protezione dell'ambiente.

 

Klimt rubato, il "Ritratto di Signora" ritorna in Galleria dopo 24 anni. Resta il mistero sui colpevoli

Stimigliano, premiate opere d'arte con il riciclo realizzate durante il lockdown / Le foto

A lanciare il progetto che unisce l'utile al dilettevole è stato il Sagarmatha Next Center (dal nome nepalese del monte Everest). A quota 3.780 metri, lungo l’itinerario principale per il campo base dell’Everest, a due giorni di cammino da Lukla, è stata attivata una struttura di riciclaggio dei rifiuti. L'idea è quella di utilizzare artisti stranieri e locali per la realizzazione di opere d'arte, con la collaborazione di turisti e della gente del posto, creando così un nuovo mercato di prodotti “made on Everest”. I pezzi prodotti potranno essere venduti ma anche esposti in una galleria d’arte che nascerà presso il Sagarmatha Next Centre. «Vogliamo mostrare come si possano trasformare i rifiuti solidi in preziosi pezzi d’arte e generare così impieghi e entrate – spiega Tommy Gustafsson, direttore del progetto e co-fondatore del Sagarmatha Next Centre – Speriamo di cambiare in tal modo la percezione che la gente ha della spazzatura e della sua gestione»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA