ROMA

Edoardo Pesce dà voce a “Marcel Proust e la musica”, ospite della Filarmonica il 13 febbraio al Teatro Argentina

Sabato 8 Febbraio 2020
Edoardo Pesce dà voce a “Marcel Proust e la musica”, ospite della Filarmonica il 13 febbraio al Teatro Argentina
Sarà l'attore romano vincitore del David di Donatello Edoardo Pesce, il “cattivo” di Dogman, a dare voce a “Marcel Proust e la musica” ospite della stagione dell’Accademia Filarmonica Romana giovedì 13 febbraio al Teatro Argentina. Con lui sul palco tre musicisti italiani: il violinista Marco Rizzo, il violoncellista Giovanni Gnocchi e al pianoforte Roberto Cominati, raffinati interpreti delle musiche che attraversano l’opera proustiana, da Chopin fino al venezuelano Reynaldo Hahn.

“La musica è stata una delle grandi passioni della mia vita. Dico è stata, perché ora non ho più occasione di ascoltarne, altro che nei miei ricordi. Essa m’ha portato gioie e certezze ineffabili, e mi ha dato la prova che qualcos’altro esiste oltre il nulla, contro il quale sono andato sempre a sbattere, dovunque. Essa corre come un filo conduttore attraverso il labirinto di tutta la mia opera”. In queste parole di Marcel Proust è racchiuso il senso dell’omaggio musicale che l’Accademia Filarmonica Romana propone nella serata al Teatro Argentina, progetto nato da una idea di Andrea Lucchesini. A dare voce allo scrittore francese con alcuni estratti dai sette volumi che compongono quel capolavoro che è
À la recherche du temps perdu sarà l’attore romano Edoardo Pesce, atteso di nuovo sul grande schermo dal 24 febbraio (e poi su Rai1) nel film di cui è protagonista Permette? Alberto Sordi, per la regia di Luca Manfredi, realizzato in occasione dei cento anni della nascita del grande attore romano. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua