Manifesta13, aperta a Marsiglia la biennale d'arte itinerante: prima sezione “The Home” sulle nuove forme di comunità

Sabato 29 Agosto 2020 di Francesca Nunberg
Manifesta13, aperta a Marsiglia la biennale d'arte itinerante: prima sezione “The Home” sulle nuove forme di comunità

Visitarla non sarà facile, viste le misure che la Francia sta prendendo contro il Covid, ma si può sperare negli appuntamenti dei prossimi mesi. Rinviata l’inaugurazione di giugno, ieri ha preso il via a Marsiglia Manifesta13, la grande manifestazione itinerante di arte contemporanea che resterà aperta fino al 29 novembre. L’apertura sarà in quattro step: dopo quella del 28 agosto, le altre sezioni apriranno progressivamente l’11 settembre, il 25 settembre e il 9 ottobre. Rinunciando a tutte le celebrazioni per garantire la sicurezza, come ha spiegato la presidente Hedwig Fijen, la tredicesima edizione di Manifesta può contare comunque su 47 artisti, divisi in 110 sedi, per una durata di 90 giorni. Le visite sono ovviamente su prenotazione e contingentate. Il titolo di quest’anno è “Traits d’union.s”, una riflessione su come oggi sia possibile creare relazioni e legami di solidarietà.

Nonostante tutte le difficoltà, la Biennale nomade è il primo grande appuntamento espositivo che l’Europa dell’arte vive da febbraio a questa parte. Nata a Rotterdam nel 1996, si è svolta finora a Lussemburgo, Lubiana, Francoforte, San Sebastián, Nicosia, in Trentino-Alto Adige, a Murcia, Limburgo, San Pietroburgo, Zurigo, fino all’ultima edizione a Palermo nel 2018 che aveva come titolo “Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza”; nel 2022 Manifesta approderà in Kosovo. Quest’anno, come ha spiegato il team curatoriale composto da Katerina Chuchalina, Stefan Kalmár e Alya Sebti, la scelta è caduta su Marsiglia, da sempre luogo di transito e di scambio. Il primo capitolo è The Home, dedicato al tema della casa, che si divide tra la Cité Radieuse, edificio progettato da Le Corbusier (considerato oggi uno dei migliori esempi di architettura “brutalista”, che cioè fa largo uso del beton brut, il cemento a vista) e il lussuoso Hotel Dieu Intercontinental sulla collina del Panier, il quartiere più antico di Marsiglia.

Tra le prime presentazioni c’è quella della pubblicazione che raccoglie gli esiti dello studio urbano pre-biennale Le Grand Puzzle, ideato dallo studio di architettura MVRDV di Rotterdam e The Why Factory. «La ricerca - ha spiegato la biennale - rivela le specificità, le possibilità, i sogni, le necessità e le complessità di Marsiglia, risultando un grande puzzle multi-narrato, simile a un mosaico, uno strumento per i cittadini per ripensare il potenziale della loro città in base a nuovi paesaggi urbani.

Le sei “trame” della mostra che saranno aperte a scaglioni sono The Home, The Refuge, The Almshouse, The Port, The Park, The School. Nella prima sezione gli artisti Black Quantum Futurism, Martine Derain, Lukas Duwenhögger, Jana Euler, Ken Okiishi, Cameron Rowland, Reena Spaulings e Arseny Zhilyaev rifletteranno sul tema della “casa” nel contesto sociopolitico contemporaneo: «Nell’era della migrazione a livello mondiale causata da cambiamenti climatici, guerre, regimi totalitari e razzismo, inquinamento, sviluppo urbano e gentrificazione a livello locale, avere una casa – o semplicemente un luogo sicuro – è il presupposto per provare nuove forme di comunità, uguaglianza, dignità, cura e amore», si legge nella nota stampa della Biennale. La mostra si svolgerà al Musée Grobet-Labadié e nei luoghi “off” di Cité Radieuse e Bel Horizon. Manifesta 13 sta rilasciando un’app che permetterà ai visitatori di individuare partecipanti, luoghi e progetti, disponibile gratuitamente sia in inglese che in francese su App Store e Google Play Store. Il programma completo su https://manifesta13.org.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA