Amedeo Modigliani: prima grande mostra a Livorno, sua città natale, nel centenario della morte

Martedì 17 Settembre 2019

Amedeo Modigliani (1884-1920) torna per la prima volta a Livorno, la sua città natale, che ospiterà dal 7 novembre al 16 febbraio 2020 una grande retrospettiva dedicata all'illustre concittadino, dal titolo «Modigliani e l'avventura di Montparnasse - La collezione Jonas Netter». Arriveranno nella città 120 opere della cosiddetta Ecole de Paris, di cui 14 dipinti di Modigliani e (probabilmente) 12 disegni. La mostra, organizzata dal Comune di Livorno insieme all'Istituto Restellini di Parigi, si terrà al Museo della Città di Livorno (piazza del Luogo Pio), in occasione del centenario della morte dell'artista, avvenuta il 24 gennaio 1920 a Parigi, dove l'artista viveva dopo aver lasciato la sua città di origine e formazione. È la prima esposizione che Livorno dedica al pittore e l'immagine simbolo del catalogo sarà «La bambina in blu», dipinto a olio su tela del 1918.

 «Grazie a questa prestigiosa mostra, indubbiamente la più grande che Livorno abbia mai ospitato - ha detto l'assessore alla Cultura Simone Lenzi -  la nostra città potrà vivere 100 giorni con Dedo, il grande Modigliani, attraverso alcuni dei suoi più noti capolavori, 100 anni dopo la sua morte. Un riconoscimento che la città gli deve per la sua grandezza originale e inconfondibile. Ben tornato dunque Dedo, e che l'immagine della “Bambina in blu con la sua struggente espressione e spiritualità sia di richiamo alla voglia di tornare a casa, quella voglia che Modigliani in fondo ha sempre nutrito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA