Albert Camus, riemerge dagli archivi una sua lettera inedita scritta durante l'occupazione nazista

Sabato 4 Gennaio 2020
1

Nel giorno in cui la Francia ricorda la figura di Albert Camus, a sessant'anni dalla morte, emerge dagli archivi una lettera inedita dello scrittore premiato con il Nobel, che risale agli anni dell'occupazione nazista, e e che esprime preoccupazione per il futuro del Paese. Nella lettera, ritrovata tra le carte del generale Charles De Gaulle, di cui scrive il quotidiano The Guardian, Camus teme che le uccisioni di massa possano distruggere le "vive e brillanti idee" che possono salvaguardare l'avvenire della Francia.

Il nonno regala al nipotino il Mein Kampf di Hitler: «Ma io volevo il videogioco Minecraft...». Video virale

Il testo, tre pagine dattiloscritte, è stato scritto nel 1943, quando la Francia era sotto il giogo del regime collaborazionista di Vichy, retto dai nazisti attraverso il maresciallo Philippe Pétains.

Il documento, dal titolo "da un intellettuale che resiste", inizia così: “Qui voglio brevemente ricapitolare i sentimenti di un intellettuale francese, così come la si può osservare all'interno del territorio. Per dirla semplicemente, i suoi promi sentimenti sarebebro di angoscia. La mia convinzione profonda è che la forma della guerra che la Francia cittadina ha adottato e in cui siamo tutti impegnati, può portare alla rinascita di queste persone e alla sua definitiva caduta".

La più grande preoccupazione di Camus va alla élite intellettuale del Paese, e alla "terribile distruzione" delle sue menti più vive. La sua lettera rappresenta "un pressante appello per il futuro della Francia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA